Bronchiolite: boom di casi, perché?

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 09/01/2019 Aggiornato il 10/01/2019

L’aumento dei casi di bronchiolite è legato al freddo intenso di questi giorni. Ecco come difendere i più piccoli

Bronchiolite: boom di casi, perché?

Fa molto freddo e la bronchiolite torna a presentarsi puntuale, mettendo a rischio soprattutto la salute dei più piccoli. Tra dicembre e questi primi giorni di gennaio, per esempio, l’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma ha registrato  quasi 300 diagnosi di bronchiolite. E il picco non si è ancora raggiunto.

Colpa del VRS

Il colpevole numero uno della bronchiolite è il virus respiratorio sinciziale, che nei neonati provoca un’infiammazione dei bronchioli, le parti terminali dei bronchi, i tubicini che portano l’aria dalle prime vie respiratorie ai polmoni. In pratica, si verifica una vera e propria ostruzione, con i piccoli bronchi che si riempiono di secrezioni e causano difficoltà respiratorie.

In arrivo un vaccino

Contro questo virus, nei prossimi anni arriverà un vaccino, ora in fase di sperimentazione. A oggi l’unica possibilità di prevenzione è la vaccinazione antifluenzale in gravidanza, che consente alle future mamme di trasmettere l’immunità al bebè proteggendolo nei primi mesi di vita, quelli più delicati. L’influenza, infatti, indebolisce l’organismo e ne favorisce l’attacco da parte di altri batteri e virus, tra cui quello sinciziale.

Quando serve il ricovero

Le terapie possono essere somministrate a domicilio da parte del pediatra di famiglia nelle forme più lievi, mentre in caso di difficoltà nell’ossigenazione è necessario il ricovero: la bronchiolite è, infatti, la prima causa di ospedalizzazione sotto l’anno di vita. Tra le terapie ci sono l’ossigenoterapia, l’idratazione e la nutrizione, perché questi bambini così piccoli non ce la fanno a crescere e bisogna controllare costantemente il loro peso.

Pericolo conseguenze

Le conseguenze della bronchiolite non vanno sottovalutate: rende i bimbi più sensibili a infiammazioni delle alte vie aeree fino a tre anni dopo l’episodio ed è un fattore di rischio per l’asma, soprattutto se colpisce nei primi mesi di vita e se uno dei genitori è allergico. È importante perciò tenere a casa i bambini malati di bronchiolite, perché predisposti a ricadute, e approfittare dell’estate per portarli lontano dalle città. Via libera a spiagge e scogli nelle mezze stagioni e alla montagna nei mesi più caldi. Dentro casa, infine, sì ad ambienti puliti ma non asettici. Massima attenzione infine alla camera da letto, che deve essere priva di tutto ciò che raccoglie polvere.
 

 

 
 
 

da sapere!

Non fumare in presenza di neonati: il fumo di sigarette è uno dei fattori di rischio principali per l’insorgenza di bronchiolite.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti