Cadute e piccoli traumi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/10/2019 Aggiornato il 25/10/2019

Il pericolo è in casa, più che fuori. Infatti, è ormai dimostrato che purtroppo una delle cause più comuni di infortunio siano proprio gli incidenti domestici

Cadute e piccoli traumi

In casa l’attenzione deve essere massima nei confronti del piccolo. Gli infortuni domestici, infatti, sono molto comuni e il più frequente è la caduta.  Tra questi ultimi, il più frequente è la caduta: nel 30% circa dei casi da un’altezza (scale, mobili, letti), nel 12 % circa a livello (inciampando o scivolando, per esempio nella doccia).

Infortunio casalingo: nuova priorità sanitaria

Cadere dalle scale, inciampare in un tappeto, scivolare sul pavimento appena lucidato: questi sono soltanto alcuni degli infortuni più ricorrenti tra le non troppo rassicuranti mura domestiche. Aggiungiamo, poi, l’aumentata longevità della popolazione ed è subito emergenze sanitaria. Che diventa, immediatamente, emergenza economica soprattutto in un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando. Il ministero della Salute afferma, proprio a proposito degli incidenti domestici, quanto gli infortuni casalinghi costino al servizio sanitario nazionale in termini di ricoveri ospedalieri, riabilitazione e disabilità.

A rischio i bambini

I bambini – insieme agli anziani – sono quelli più a rischio di incidenti domestici: il luogo più a rischio è la cucina, ma nemmeno i pericoli in bagno e sul balcone o in giardino sono da sottovalutare:

Consigli pratici anti-caduta

Per evitare il più possibile incidenti domestici e infortuni vari, ecco qualche consiglio pratico, dettato dal buonsenso ma mai scontato:

  • Tappeti: fare in modo che ogni tappeto sia ben aderente al pavimento, senza angoli che si sollevino o frange arrotolate. Come? Scegliendo quelli con gomma antiscivolo.
  • Corridoi: soprattutto di notte, lasciare sempre una piccola luce accesa. E attenzione agli oggetti abbandonati per terra, per esempio i giocattoli dei bambini. Non è raro scivolare su una macchinina nel bel mezzo della notte e rompersi una gamba…
  • Scale: controllare sempre la sicurezza dei corrimano, incollare lastre antiscivolo sull’estremità dei gradini, illuminare sempre le rampe.
  • Pavimenti: assicurarsi che siano sempre asciutti e….attenzione quando si dà la cera!
  • Bagno: valgono tutte le norme antiscivolo possibili ed immaginabili: gommini nella doccia e nella vasca, tappetini appositi, maniglie anticaduta e supporti di sostegno.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti