Cadute e piccoli traumi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/10/2019 Aggiornato il 25/10/2019

Il pericolo è in casa, più che fuori. Infatti, è ormai dimostrato che purtroppo una delle cause più comuni di infortunio siano proprio gli incidenti domestici

Cadute e piccoli traumi

In casa l’attenzione deve essere massima nei confronti del piccolo. Gli infortuni domestici, infatti, sono molto comuni e il più frequente è la caduta.  Tra questi ultimi, il più frequente è la caduta: nel 30% circa dei casi da un’altezza (scale, mobili, letti), nel 12 % circa a livello (inciampando o scivolando, per esempio nella doccia).

Infortunio casalingo: nuova priorità sanitaria

Cadere dalle scale, inciampare in un tappeto, scivolare sul pavimento appena lucidato: questi sono soltanto alcuni degli infortuni più ricorrenti tra le non troppo rassicuranti mura domestiche. Aggiungiamo, poi, l’aumentata longevità della popolazione ed è subito emergenze sanitaria. Che diventa, immediatamente, emergenza economica soprattutto in un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando. Il ministero della Salute afferma, proprio a proposito degli incidenti domestici, quanto gli infortuni casalinghi costino al servizio sanitario nazionale in termini di ricoveri ospedalieri, riabilitazione e disabilità.

A rischio i bambini

I bambini – insieme agli anziani – sono quelli più a rischio di incidenti domestici: il luogo più a rischio è la cucina, ma nemmeno i pericoli in bagno e sul balcone o in giardino sono da sottovalutare:

Consigli pratici anti-caduta

Per evitare il più possibile incidenti domestici e infortuni vari, ecco qualche consiglio pratico, dettato dal buonsenso ma mai scontato:

  • Tappeti: fare in modo che ogni tappeto sia ben aderente al pavimento, senza angoli che si sollevino o frange arrotolate. Come? Scegliendo quelli con gomma antiscivolo.
  • Corridoi: soprattutto di notte, lasciare sempre una piccola luce accesa. E attenzione agli oggetti abbandonati per terra, per esempio i giocattoli dei bambini. Non è raro scivolare su una macchinina nel bel mezzo della notte e rompersi una gamba…
  • Scale: controllare sempre la sicurezza dei corrimano, incollare lastre antiscivolo sull’estremità dei gradini, illuminare sempre le rampe.
  • Pavimenti: assicurarsi che siano sempre asciutti e….attenzione quando si dà la cera!
  • Bagno: valgono tutte le norme antiscivolo possibili ed immaginabili: gommini nella doccia e nella vasca, tappetini appositi, maniglie anticaduta e supporti di sostegno.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti