Eczema nei bambini: gli oli da bagno non servono

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 10/12/2019 Aggiornato il 12/12/2019

L'eczema è un problema che può interessare anche i bimbi di pochi mesi e si manifesta con un’eruzione cutanea squamosa e secca che compare a chiazze. La cura avviene con l'utilizzo di prodotti specifici

Eczema nei bambini: gli oli da bagno non servono

Se il piccolo ha l’eczema occorre curare l’igiene del bambino, idratando sempre a fondo la pelle del piccolo, che risulta molto secca, con creme nutritive apposite e non comuni oli emollienti, per quanto di qualità.  Non offrono, infatti, benefici e, quindi, se ne sconsiglia l’uso. È questa la conclusione di  uno studio britannico dell’università di Southampton, pubblicato sulla rivista medica British Medical Journal.

Lo studio su quasi 500 bambini

I ricercatori per giungere a queste conclusioni hanno seguito 482 bambini di età compresa tra 1 e 11 anni e li hanno divisi in due gruppi, uno solo dei quali è stato trattato con oli da bagno. Tutti i piccoli partecipanti hanno utilizzato, come da prescrizione, detergenti emollienti per l’igiene personale e creme con corticosteroidi per ridurre l’infiammazione e l’irritazione. Dopo quattro settimane gli studiosi hanno potuto rilevare come i sintomi dell’ eczema nei bambini erano migliorati in entrambi i gruppi, senza registrare differenze significative. Come spiega Miriam Santer, coordinatrice dello studio, “non dobbiamo dunque dire alle persone di aggiungere gli oli da bagno per combattere l’eczema, perché non sortiscono alcuna efficacia”.

Cos’è l’eczema

L’eczema è la più comune malattia infiammatoria della pelle dei bambini. È una lesione cutanea di tipo infiammatorio di cui ancora non è nota la causa, anche se si ipotizza che alla sua base sia presente una reazione immunitaria cellulo-mediata verso un allergene topico. L’ eczema nei bambini si manifesta con eritema (arrossamento congestizio pruriginoso) e comparsa di gruppi di piccole vescicole trasparenti. Nelle forme acute si ha anche la formazione di croste, mentre in quelle croniche è frequente l’ipercheratosi (ossia l’ispessimento dello strato corneo epidermico).

Diversi rimedi

Di solito per il trattamento dell’ eczema nei bambini vengono prescritti prodotti emollienti in tre formati diversi – creme da spalmare, detergenti per l’igiene personale e oli da aggiungere all’acqua per il bagnetto – anche da usare insieme. Mentre diversi studi hanno già messo in evidenza come creme e detergenti avessero una loro efficacia, la ricerca pubblicata ora sul BMJ mette invece in risalto come l’impiego degli oli da bagno sia sostanzialmente inutile nella cura dell’ eczema nei bambini.

 

 

Da sapere!

Lo studio non esclude però che l’impiego di oli da bagno possa dare qualche piccolo sollievo alla pelle con eczema nei bambini al di sotto dei 5 anni, se usati più di 5 volte alla settimana.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti