Hiv nei neonati: speranze da una nuova cura

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 21/02/2020 Aggiornato il 21/02/2020

Sperimentato su un gruppo di scimmie un nuovo trattamento a base di un’unica dose di due anticorpi in grado di prevenire la trasmissione dell’Hiv nei neonati dalle mamme infette

Hiv nei neonati: speranze da una nuova cura

Oggi se ne parla meno che in passato. Ma l’Hiv non è scomparso, al contrario: si tratta di un virus ancora diffuso in molte parti del mondo e presente anche in Italia. Per questo la ricerca non si ferma. L’ultima scoperta riguarda un trattamento a base di due anticorpi che riuscirebbe a impedire la trasmissione dell’hiv nei neonati da una mamma al suo cucciolo in tempi super rapidi. Lo studio che ne ha testato l’efficacia è stato condotto da un’équipe di ricercatori statunitensi su alcuni primati e pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Un virus molto pericoloso

L’Hiv (Human immunodeficiency virus) o virus dell’immunodeficienza umana è un microrganismo molto pericoloso contenuto nel sangue, nelle secrezioni genitali e nel latte materno delle persone infette. Quando si entra in contatto con questi liquidi infetti si rischia il contagio. Il virus Hiv ha una particolare caratteristica: una volta entrato nell’organismo, si insidia nelle cellule e si moltiplica, andando a distruggere in maniera progressiva alcune componenti importanti del sistema di difesa. L’organismo di una persona malata, dunque, si indebolisce sempre di più.

Come è stato condotto lo studio

 Lo studio è stato condotto su un gruppo di macaco rhesus femmine positive allo Shiv, la forma di Hiv che colpisce le scimmie, e sui loro cuccioli appena nati. Gli autori hanno diviso i neonati in tre gruppi. Un gruppo è stato sottoposto al trattamento standard per l’Hiv a base di antiretrovirali della durata di tre settimane a partire da 48 ore dopo l’esposizione al virus. Un secondo gruppo ha ricevuto una nuova cura, a base di due anticorpi combinati chiamati PGT121 e VRC07-523, somministrati in un’unica dose a distanza di 30 ore dall’esposizione. Infine, al terzo gruppo sono stati somministrati gli stessi anticorpi ma in quattro dosi più piccole e in maniera più ritardata, fino a 48 ore dopo l’esposizione.

I risultati sono promettenti

Analizzando le condizioni di salute dei tre gruppi di animali, gli autori hanno scoperto che sia i cuccioli di primati che avevano ricevuto un’unica dose del nuovo cocktail a base di due anticorpi sia quelli trattati con la cura attualmente in uso non hanno sviluppato la Shiv. Del gruppo sottoposto a trattamento ritardato, invece, metà neonati ha sviluppato la forma di Hiv che colpisce le scimmie. Gli esperti hanno concluso che questo studio apre la strada a nuovi trattamenti per l’hiv nei neonati, molto più brevi di quelli utilizzati al momento. È la prima volta, infatti, che una singola dose di anticorpi somministrata poco dopo l’esposizione virale si dimostra capace di proteggere cuccioli di primati dall’infezione da Shiv. Serviranno nuove ricerche per valutare la fattibilità di questa cura negli esseri umani.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Essere sieropositivi all’Hiv non significa sempre essere ammalati: dal contagio, ossia dal momento in cui si contrae l’infezione da Hiv, alla malattia vera e propria, l’Aids, infatti, possono passare anche diversi anni.

 

Fonti / Bibliografia

  • Single-dose bNAb cocktail or abbreviated ART post-exposure regimens achieve tight SHIV control without adaptive immunity | Nature CommunicationsVertical transmission accounts for most human immunodeficiency virus (HIV) infection in children, and treatments for newborns are needed to abrogate infection or limit disease progression. We showed previously that short-term broadly neutralizing antibody (bNAb) therapy given 24 h after oral exposure cleared simian-human immunodeficiency virus (SHIV) in a macaque model of perinatal infection. Here, we report that all infants given either a single dose of bNAbs at 30 h, or a 21-day triple-drug ART regimen at 48 h, are aviremic with almost no virus in tissues. In contrast, bNAb treatment beginning at 48 h leads to tight control without adaptive immune responses in half of animals. We conclude that both bNAbs and ART mediate effective post-exposure prophylaxis in infant macaques within 30–48 h of oral SHIV exposure. Our findings suggest that optimizing the treatment regimen may extend the window of opportunity for preventing perinatal HIV infection when...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Timori dopo l’ecografia morfologica

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quando l'ecografia morfologica rileva qualcosa che non torna rispetto ai parametri usuali la cosa migliore da fare per capire bene la situazione è certamente quella di ripetere l'esame dopo un certo lasso di tempo.   »

Bimbo che graffia gli amichetti: che fare?

10/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

I gesti poco opportuni compiuti tra il gruppo dei pari impediscono di creare relazioni soddisfacenti per chi li compie. Ma questo lo si impara vivendolo, con l'aiuto affettuoso e vigile di mamma e papà.   »

Fai la tua domanda agli specialisti