Microplastiche: nei bambini quantità 10 volte superiori agli adulti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/11/2021 Aggiornato il 16/11/2021

Scoperti valori dieci volte maggiori di microplastiche PET (quelle delle bottiglie dell'acqua e non solo) nelle feci dei neonati rispetto agli adulti

Microplastiche: nei bambini quantità 10 volte superiori agli adulti

Le microplastiche – ovvero frammenti di plastica di dimensioni inferiori a 5 millimetri – sono ovunque, dall’acqua in bottiglia al cibo. Ormai è noto che siano molto diffuse nell’ambiente che ci circonda e, dunque, non sorprende che diversi studi abbiano a oggi rilevato la presenza di queste particelle nelle feci di persone e di animali domestici.

Ora, però, in un nuovo studio pilota i ricercatori guidati da Kurunthachalam Kannan della New York University School of Medicine (Stati Uniti) hanno scoperto che nelle feci dei neonati sono presenti quantità di microplastiche addirittura superiori (fino a 10 volte!) a quelle riscontrate negli adulti. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista dell’American Chemical Society, ACS Environmental Science & Technology Letters.

Effetti sulla salute ancora poco noti

Per ora si sa ancora poco sull’entità dell’esposizione umana alle microplastiche o sui loro effetti sulla salute. Sebbene in passato si ritenesse che le microplastiche passassero innocuamente attraverso il tratto gastrointestinale per essere aliminate, studi recenti suggeriscono invece che i pezzi più piccoli possono attraversare le membrane cellulari ed entrare in circolazione. Da alcune ricerche condotte in laboratorio su cellule e su animali è anche emerso che l’esposizione alle microplastiche può causare morte cellulare, infiammazione e disturbi metabolici, come il diabete, non a caso in aumento proprio tra i bambini

Sotto esame PET e PC

I ricercatori hanno utilizzato la spettrometria di massa per determinare le concentrazioni di microplastiche di PET (polietilene tereftalato, il materiale usato per le bottiglie) e di PC (policarbonato, molto usato in ottica, edilizia, elettronica) in sei campioni di feci di neonati e in 10 campioni di feci di adulti, nonché in tre campioni di meconio (le primissime feci di un neonato).

Dai dati raccolti è emerso che tutti i campioni fecali contenevano almeno un tipo di microplastica e, sebbene i livelli medi di microplastiche di PC fossero simili tra adulti e neonati, le feci infantili contenevano in media concentrazioni di PET più di 10 volte superiori a quelle degli adulti.

I bambini – spiegano i ricercatori – potrebbero essere esposti a livelli più elevati di microplastiche attraverso l’impiego di prodotti come anelli massaggia-gengive e giocattoli. Tuttavia – concludono – per confermare i risultati ottenuti sarà necessario effettuare studi più ampi.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Nuovi studi dovranno essere condotti anche a lungo termine per comprendere se e in che modo le microplastiche possano avere possibili effetti avversi sulla salute.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti