Quanto durano i primi raffreddori nei bambini? Dipende dai batteri nel naso

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 29/09/2019 Aggiornato il 02/10/2019

Da cosa dipende la durata dei primi raffreddori nei bambini? La risposta sta nel microbiota nasale

Quanto durano i primi raffreddori nei bambini? Dipende dai batteri nel naso

I tempi di guarigione dal raffreddore dipendono dai batteri che si trovano nel tratto respiratorio, ovvero dal microbiota nasale. Lo sostengono i ricercatori dell’Università di Basilea (Svizzera) in uno studio pubblicato su ERJ Open Research della European Respiratory Society, secondo cui la severità delle prime infezioni respiratorie sembra derivare, almeno in parte, dai batteri che si trovano già nel naso.

Differenti tipi di batteri

Roland Neumann, ricercatore dell’ospedale pediatrico universitario di Basilea, ha spiegato che l’intestino non è l’unica parte del corpo ad ospitare diversi tipi di batteri; lo stesso vale anche per il tratto respiratorio e l’insieme di questi microrganismi, che prende il nome di microbiota, influenza anche la salute respiratoria. La maggior parte dei bambini coinvolti nello studio è guarita nell’arco di due settimane. Un numero più ristretto, invece, è stato malato più a lungo e, comparando il microbioma nasale dei due gruppi di bambini, sono emerse delle differenze.

L’influenza del microbiota

I ricercatori svizzeri hanno così deciso di verificare se il microbiota del sistema respiratorio influenzi l’esito dei primi raffreddori nei bambini e di altre infezioni respiratorie comuni. Per scoprirlo, hanno preso in esame 167 neonati che non avevano ancora mai contratto infezioni respiratorie. Ai loro genitori è stato chiesto di contattare i ricercatori ai primi sintomi di raffreddore, tosse o altri disturbi otorinolaringoiatrici, in modo da poter prelevare un campione di muco da esaminare e in seguito monitorare l’andamento dei sintomi. A tre settimane dall’inizio dei primi raffreddori nei bambini I ricercatori hanno effettuato un nuovo tampone nasale per osservare in che modo fosse cambiato il microbiota.

 

Rischio asma

Una maggiore varietà di specie e un microbiota non dominato da batteri delle famiglie Moraxellaceae e Streptococcaceae è risultata associata a una guarigione più veloce. L’ipotesi è che una diversa composizione di batteri può avere un effetto protettivo. Il perché non è ancora chiaro, ma la scoperta è importante perché esiste una chiara associazione tra sintomi respiratori nel primo anno di vita e il rischio di sviluppare l’asma in età scolastica.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

È fondamentale studiare più a fondo quale relazione esista tra i batteri, lo sviluppo di infezioni respiratorie e il loro effetto a lungo termine sulla salute dei polmoni.

 

Fonti / Bibliografia

  • Nasal microbiota and symptom persistence in acute respiratory tract infections in infants | European Respiratory SocietyAcute respiratory tract infections (ARI) in infancy have been implicated in the development of chronic respiratory disease, but the complex interplay between viruses, bacteria and host is not completely understood. We aimed to prospectively determine whether nasal microbiota changes occur between the onset of the first symptomatic ARI in the first year of life and 3 weeks later, and to explore possible associations with the duration of respiratory symptoms, as well as with host, environmental and viral factors.Nasal microbiota of 167 infants were determined at both time-points by 16S ribosomal RNA-encoding gene PCR amplification and subsequent pyrosequencing. Infants were clustered based on their nasal microbiota using hierarchical clustering methods at both time-points.We identified five dominant infant clusters with distinct microbiota at the onset of ARI but only three clusters after 3 weeks. In these three clusters, symptom persistence was overrepresented in the Streptococcacea...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti