Rigurgito: quando serve il pediatra?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/09/2013 Aggiornato il 26/09/2013

È un’evenienza comune nel neonato. Tuttavia, quando il rigurgito è molto intenso e compromette la crescita del piccolo è meglio rivolgersi al pediatra

Rigurgito: quando serve il pediatra?

Il rigurgito è un fenomeno che può essere considerato quasi fisiologico nelle prime settimane di vita. Nella maggior parte dei casi è innocuo e non richiede il ricorso al pediatra. Talvolta, però, può essere sintomo di una situazione più problematica. Ecco quando è il caso di approfondire. Con il termine rigurgito si indica una situazione caratterizzata dall’emissione di piccole quantità di latte: può comparire subito dopo la poppata o anche a distanza di ore. In quest’ultimo caso il latte è cagliato perché la digestione è in fase avanzata.

Un fenomeno comune nel bebè

Moltissimi neonati, sia allattati al seno sia nutriti con il biberon, soffrono di rigurgito nelle prime settimane di vita. È tutta colpa dell’immaturità dell’apparato digerente, in particolare del cardias, la valvola posizionata tra esofago e stomaco, che ancora non funziona bene. Di conseguenza, il latte ingerito può risalire verso la bocca. Ecco perché, se il bebè rigurgita non bisogna preoccuparsi e correre allarmati dal pediatra. In genere, il rigurgito scompare spontaneamente, quando il cardias inizia a chiudere correttamente l’apertura fra esofago e cardias dopo il passaggio del latte.

Quando fare attenzione

Il rigurgito deve preoccupare solo se è molto intenso. In altre parole, è meglio rivolgersi al pediatra se il bebè rigurgita grandi quantità di latte a ogni poppata e mostra altri segni di fastidio e sofferenza, come conati di vomito, pianto, irrequietezza. Anche quando il rigurgito interferisce con la crescita del bebè, impedendogli di acquistare peso e lunghezza, è importante chiedere un consulto medico. In questi casi, infatti, il rigurgito potrebbe essere il segnale di un problema più serio, come un’intolleranza o allergia al latte o un altro disturbo all’apparato gastrointestinale. 

In breve

NON ASPETTARE TROPPO

In genere, durante le normali visite di controllo, il pediatra verifica la crescita del bebè e indaga sulla presenza di eventuali disturbi. Se, però, la mamma ha il dubbio che il rigurgito del piccolo sia anormale è bene che si rivolga subito al medico. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti