Sids o “morte in culla”: cosa è e cause

La morte in culla o Sids provoca ancora numerosi decessi tra neonati sani. La comunità scientifica afferma ora la possibilità che possa esserci una causa certa a provocare la sindrome

Sids o “morte in culla”: cosa è e cause

L’incubo di ogni neomamma o futura mamma è la morte in culla. La Sids, Sindrome della morte improvvisa infantile, colpisce infatti ancora molti neonati e le cause sembrano sempre inspiegabili. I bimbi colpiti, infatti, nascono in buone condizioni di salute e finora il grado di “oscurità” rispetto a questa sindrome ha terrorizzato i neogenitori. Sulla morte in culla si sono, infatti, spesi corsi e libri, per prevenirne le possibili cause (posizione durante la nanna, luogo del sonno e perfino tipo di alimentazione) ma oggi la comunità scientifica ha individuato una causa comune a tutti i decessi per Sids. Ecco qual è.

Asfissia come filo conduttore

Una ricerca dell’università di Adelaide ha analizzato il cervello dei neonati morti per Sids, individuando una caratteristica comune, ovvero segni simili rispetto ai bimbi deceduti per asfissia accidentale. Roger Byard, sulla rivista Neuropathology and Applied Neurobiology, ribadisce l’importanza che possa essere proprio l’asfissia a causare la morte in culla e non, come è comune pensiero, un trauma o un’infezione.

Prima causa di morte dei neonati sani

La Sids, purtroppo, detiene oggi il triste primato di prima causa di morte per i neonati nati sani. Questa sindrome, ancora “misteriosa”, colpisce i bambini nel primo anno di vita e provoca la morte improvvisa ma soprattutto ingiustificata proprio durante il sonno.

Una pericolosa mancanza di ossigeno

La correlazione tra asfissia o soffocamento e Sids è data dalla presenza nel cervello di una proteina chiamata App (Amyloid Precursor Protein), presente quando esiste una lacerazione, o comunque un danneggiamento, delle fibre nervose. Lo stesso danneggiamento presente sia nei casi di morte in culla sia nei decessi per asfissia.

Meccanismo più chiaro

L’asfissia e il soffocamento diventano quindi i primi imputati per la Sids, a dispetto di teorie relative a sconosciute infezioni o a episodi traumatici che coinvolgerebbero il neonato. Questa ricerca ha, infatti, fatto luce sul meccanismo che provoca la morte di lattanti nati sani e potrà aprire nuovi scenari rispetto alle tecniche di prevenzione della Sids. 

In breve

LE REGOLE DI PREVENZIONE

Rimangono comunque valide le classiche regole di prevenzione della Sids: far dormire il bambino sulla schiena, tenerlo al fresco, non esporlo al fumo, non farlo dormire nel lettone e dargli il succhietto per la nanna. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti