Zika, nei neonati trovati nuovi danni neurologici

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/11/2016 Aggiornato il 11/11/2016

I neonati contagiati da Zika sono in grado di tenere il collo dritto e di stringere le dita. Gli esperti: sembrano precoci, ma in realtà è il segno che qualcosa non va

Zika, nei neonati trovati nuovi danni neurologici

I neonati contagiati dal virus Zika sono in grado di tenere il collo dritto, di stringere le dita di un’altra persona e di sedersi eretti: un gruppo di esperti riuniti in un meeting a Washington (Stati Uniti) avverte che questi comportamenti – pur apparendo ad alcuni genitori come positivi segnali di precocità – sono invece segni ben precisi di contagio da virus Zika da non sottovalutare.

Pianto ininterrotto e dolori di stomaco

Non solo: questi bambini, inoltre, piangono in alcuni casi fino a 24 ore su 24 e possono soffrire di forti dolori allo stomaco a causa di riflussi che gli impediscono di assumere latte se non in piccolissime quantità. In molti casi, poi, sono stati riscontrati attacchi epilettici. A parlarne in particolare, nel corso del meeting, è stata Vanessa Van Der Linden, la studiosa che per prima informò il mondo dal Brasile della diffusione del virus Zika.

Lo sviluppo neurologico

Gli studiosi spiegano che questi segnali a cui molti genitori di bambini contagiati da Zika assistono sono riflessi fetali che dovrebbero interrompersi subito dopo la nascita per permettere un fisiologico sviluppo neurologico del piccolo. Sonja Rasmussen dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) ha sottolineato che “quello che osserviamo è molto probabilmente, purtroppo, solo la punta dell’iceberg”.

Non solo microcefalia

Alcuni neonati sono nati con una circonferenza della testa nella norma, per poi evidenziare microcefalia con il passare del tempo. I ricercatori hanno inoltre sottolineato come i dati raccolti facciano presumere che l’infezione causata dal virus Zika possa continuare a danneggiare l’organismo anche dopo la nascita.

 

 

 
 
 

In breve

 

LO SAPEVI?

Zika è un Flavivirus, ovvero un virus simile a quello della febbre gialla, della dengue, dell’encefalite giapponese e dell’encefalite del Nilo occidentale. L’infezione viene trasmessa dalla puntura delle zanzare infette del genere Aedes

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti