Shaken Baby Syndrome causa di morte del neonato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/07/2014 Aggiornato il 14/07/2014

La Sindrome da bambino scosso, SBS, è la modalità più diffusa di violenza sul neonato, nonché una delle principali cause di morte nel primo anno di vita  

Shaken Baby Syndrome causa di morte del neonato

Tra le principali cause di morte del bambino nel primo anno di vita, vi sono la morte in culla e la Shaken Baby Syndrome. Quest’ultima è la Sindrome da bambino scosso (SBS) ovvero lo scuotamento del neonato da parte dell’adulto.

Scuotere il neonato, quali conseguenze?

Durante il settantesimo Congresso italiano di pediatria si è parlato proprio di questo. Lo “scuotamento” del neonato è risultata, infatti, la forma di violenza più frequente da parte dell’adulto. Purtroppo scuotere il neonato provoca nel 30% dei casi la morte del bambino e per l’80%, danni permanenti come emorragie cerebrali e disabilità di vario livello.

Perché il genitore scuote il neonato

Nonostante siano state messe in evidenza le conseguenze dello scuotere il neonato, ancora molti genitori non hanno idea di quanto questa azione possa essere pericolosa. Spesso mossi dalla mancanza di sonno, dal pianto prolungato e incessante del bambino, alcuni genitori hanno una reazione inconsulta ma molto frequente: lo scuotamento violento del bambino.

Purple Crying

Esiste proprio un periodo definito critico dai pediatri: il lasso di tempo che va dalla seconda settimana al quinto mese di vita del neonato. In questi mesi, infatti, il pianto si fa spesso insistente così come aumenta il numero di notti in bianco. Il periodo in questione ha addirittura un nome specifico: Purple Crying. Proprio in questo spazio temporale si registrano più casi di SBS, momento in cui si associano crisi di pianto continuo, mentre i muscoli di collo e nuca ancora molto deboli.

In breve

CAPIRE LE RAGIONI DEL PIANTO

Per porre un freno al fenomeno della SBS, si stanno organizzando negli Usa veri e propri corsi per comprendere le ragioni del pianto e, comunque, per riuscire a gestirlo, eventualmente affidando il bambino a un parente quando il livello di stress si alza pericolosamente e si associa alla mancanza di riposo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti