Il neonato è stanco e piange: come farlo addormentare?

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 07/11/2022 Aggiornato il 07/11/2022

C'è una formula scientifica per fare addormentare il neonato: tenerlo in braccio camminando per 5 minuti e di aspettare fino a 8 minuti prima di metterlo a letto. Vediamo come funziona

cosa fare se il neonato non dorme?

Cinque più cinque, elevabili – questi ultimi cinque – fino a otto. A dirsi sembra complicato, a farsi invece è piuttosto semplice. Sarebbe questa la formula scientifica per un “addormentamento perfetto” del neonato, secondo uno studio pubblicato su Current Biology dal Riken Center for Brain Science in Giappone.

Cosa fare quando un bambino si sveglia?

Può capitare anche piuttosto spesso, soprattutto in tenerissima età, che il bambino faccia fatica ad addormentarsi. Oppure che, dopo essersi assopito, si risvegli. E se accade di notte soprattutto per i genitori alle prime esperienze può essere stressante. Ecco perché è importante imparare a gestire queste situazioni:  “Molti genitori – spiega Kumi Kuroda, principale autrice dello studio – soffrono per il pianto notturno del neonato e questo rappresenta un grosso problema, soprattutto per le mamme e i papà inesperti, che può portare a stress genitoriale e persino, sebbene in un numero minimo di casi, a maltrattamenti infantili“.

Secondo i ricercatori giapponesi, per far addormentare un bambino va tenuto cinque in braccio mentre si cammina in modo tranquillo e senza scossoni, e poi ancora aspettare tra i 5 e gli otto minuti sempre con il bimbo in braccio, anche seduti, prima di metterlo nel lettino o nella culla.

Esiste una formula magica per la nanna del neonato?

I ricercatori sono giunti alla magica formula dopo aver osservato il comportamento di 21 bambini alle prese con la nanna in quattro condizioni: in braccio alle mamme sedute, in braccio alle mamme mentre camminavano, sdraiati in un lettino a dondolo, sdraiati in una culla. Gli studiosi hanno così scoperto che camminare con un bambino in braccio fa sì che il neonato si calmi entro 30 secondi e che la sua frequenza cardiaca rallenti. Un effetto calmante simile si verificava quando i bambini venivano messi in un lettino a dondolo, ma non quando il bimbo era in braccio alla mamma seduta o veniva posizionato in una culla classica, suggerendo che è il movimento ad avere funzione calmante e anti-stress.

Quanto tempo serve per calmare un neonato che piange?

Gli effetti calmanti idonei a far addormentare il bimbo arrivano dopo 5 minuti di movimento, che sia in braccio alla mamma che cammina o in un lettino a dondolo. Attenzione però: i bambini, una volta addormentati, non vanno subito collocati nel loro lettino o culla, ma tenuti in braccio, anche da seduti, per altri 5-8 minuti, per far “consolidare il sonno”, altrimenti il rischio è che si risveglino subito: ben un terzo dei bambini infatti, dopo essere stati messi subito nel loro lettino o culla, si è risvegliato.

 

 
 
 

In sintesi

Perché un bambino piange senza motivo?

Può sembrare che il bambino, soprattutto se molto piccolo, pianga senza motivo, ma in realtà il motivo c’è: il neonato può piangere perché ha fame oppure perché ha il pannolino sporco, ma anche perché l’ambiente che lo circonda è troppo caldo o troppo freddo, oppure troppo rumoroso.

Come calmare il pianto del neonato che sembra inconsolabile?

Si può provare riproducendo suoni o rumori  piacevoli, quindi cantando una canzone, mettendo della musica oppure semplicemente facendo qualche rumore con il phon o l’aspirapolvere (i cosiddetti “rumori bianchi”).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti