Alimentazione dei bambini: sì ai latticini dai 6 mesi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/06/2017 Aggiornato il 21/06/2017

Tra otto fonti proteiche di origine animale e vegetale analizzate, quelle dei latticini sono risultate le migliori da proporre per l'alimentazione dei bambini da sei mesi di vita. Ecco perché

Alimentazione dei bambini: sì ai latticini dai 6 mesi

Secondo un recente studio dell’Università dell’Illinois di Urbana (Usa), pubblicato sulla rivista British Journal of Nutrition, i latticini sarebbero un eccellente fonte di proteine per l’ alimentazione dei bambini già a sei mesi. Il risultato deriverebbe da una valutazione della qualità delle proteine presenti negli alimenti consumati dai bambini, applicando un metodo proposto nel 2011 dall’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (Fao).

L’analisi dettagliata

In particolare sono state esaminate:

  • le proteine isolate del siero di latte,
  • il concentrato di proteine del siero di latte,
  • il concentrato proteico del latte,
  • le proteine del latte scremato in polvere,
  • il concentrato proteico di piselli,
  • le proteine isolate della soia,
  • le proteine della farina di soia,
  • le proteine del grano integrale.

Di queste proteine è stata presa in esame la digeribilità intestinale delle proteine grezze e degli aminoacidi presenti con il metodo “digestible indispensable amino acid score”, sviluppato per calcolare il livello di “digeribilità ileale”, cioè dell’ileo intestinale, perché è proprio nell’intestino tenue che avviene l’assorbimento degli aminoacidi.

Risultati importanti

Le proteine derivanti dai prodotti lattiero caseari testati hanno ottenuto valori di Diaas pari o più alti di 100, soddisfacendo le norme della Fao necessarie per classificare una fonte proteica di qualità “eccellente/alta” per i bambini dai sei mesi. Al secondo posto si sono posizionate le proteine isolate della soia e la farina di soia, con un punteggio tra 75 e 100, classificandosi come “buone” fonti proteiche. Viceversa, il basso punteggio (inferiore a 75) ottenuto dal concentrato di proteine di piselli e di grano integrale ha fatto sì che questi alimenti non possano essere considerati fonti proteiche consigliate nella dieta dei più piccoli.

Necessari ulteriori approfondimenti

I ricercatori hanno ammesso alcuni limiti dello studio, perché le fonti proteiche usate erano crude e pertanto le caratteristiche possono modificarsi con la cottura.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Le proteine sono i composti fondamentali con cui l’organismo costruisce e ripara i tessuti. Nella fase di crescita i bambini hanno bisogno di molte proteine: dovrebbero consumare alimenti proteici in due pasti al giorno e 3 porzioni giornaliere di latticini.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti