Alimenti per neonati sotto accusa: ci sono troppi zuccheri

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 11/11/2019 Aggiornato il 13/11/2019

Ci sono troppi zuccheri negli alimenti per neonati che, peraltro, secondo le indicazioni della comunità scientifica, andrebbero nutriti solo con il latte materno. Gli esperti mettono in guardia dalle conseguenze di una scorretta alimentazione da piccoli

Alimenti per neonati sotto accusa: ci sono troppi zuccheri

Due nuovi studi dell’Oms Europa hanno rilevato che un’alta percentuale di alimenti per neonati sono commercializzati erroneamente come adatti per i bambini di età inferiore a 6 mesi e molti contengono livelli eccessivi di zuccheri.  In sostanza, non vanno bene per l’alimentazione dei più piccoli.

Analizzati 8.000 prodotti

L’Oms ha sviluppato una bozza di modello di profilo nutritivo per bambini di età compresa tra 6 e 36 mesi e sviluppato una metodologia per l’identificazione di alimenti per neonati disponibili in commercio e la raccolta di dati sui contenuti nutrizionali, l’etichettatura e la promozione. Sono stati analizzati quasi ottomila prodotti alimentari o bevande commercializzati per neonati e bambini in 4 località nella regione europea dell’Oms. È emerso che ovunque, una parte sostanziale dei prodotti – compresa tra il 28% e il 60% –  è stata commercializzata come adatta per i bambini di età inferiore ai 6 mesi. Il che in Europa è lecito, ma contravviene alle Linee guida dell’Oms, secondo cui gli alimenti complementari per l’infanzia non vanno somministrati prima dei 6 mesi di età. Gli alimenti per neonati sono tenuti a rispettare diverse raccomandazioni nutrizionali e di composizione, ribadisce l’istituzione mondiale. Inoltre molti prodotti sono ancora troppo ricchi di zuccheri.

Troppi zuccheri

In 3 delle città esaminate, la metà o più dei prodotti ha fornito oltre il 30% delle calorie totali degli zuccheri. Circa un terzo dei prodotti annovera zucchero, succo di frutta concentrato o altri agenti dolcificanti tra gli ingredienti. Questi aromi e zuccheri aggiunti, avverte l’Oms, potrebbero influenzare lo sviluppo delle preferenze di gusto dei bambini, aumentando il loro gradimento per cibi più dolci.

Rischio obesità e diabete

L’eccesso di zuccheri è correlato sul lungo periodo allo sviluppo di obesità, la cui diffusione è in continuo aumento. In Europa 1 bambino su 3 è in sovrappeso. In Italia la percentuale di bambini e adolescenti obesi è aumentata di quasi 3 volte nel 2016 rispetto al 1975.  Aumenta anche il rischio di diabete e delle malattie correlate.

 

Da sapere!

Quando si acquistano alimenti per l’infanzia occhio all’etichetta: i prodotti destinati a lattanti e bambini sono tenuti a rispettare precise indicazioni nutrizionali.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti