Arsenico nelle urine dei bambini che mangiano tanto riso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/06/2016 Aggiornato il 24/06/2016

Il riso assorbirebbe l’arsenico dal terreno più degli altri cereali. Più rischi per i neonati che lo mangiano durante lo svezzamento

Arsenico nelle urine dei bambini che mangiano tanto riso

Uno dei primi alimenti solidi che viene introdotto nella dieta dei più piccoli è il riso. Non tutti sanno, però, che contiene quantità elevate di arsenico, facilmente riscontrabile nelle urine dei bambini che hanno consumato prevalentemente questo cereale o i suoi derivati, come le creme di riso.

Lo studio sull’alimentazione dei più piccoli

Pubblicato su Jama pediatrics e condotto dalla Dartmouth College School of Medicine, rivela che l’esposizione per molto tempo all’arsenico è collegata a più alti tassi di tumori della pelle, della vescica e del polmone. Gli studiosi hanno utilizzato un campione di 759 bambini nati tra il 2011 e il 2014. L’80% ha introdotto il riso nel primo anno di vita. Il 64% dei piccoli ha iniziato a consumarlo tra il quarto e il sesto mese. 

Quali pericoli per la salute

Esistono due tipi di arsenico in natura: organico, che si può trovare nel pesce e nei frutti di mare, e inorganico, utilizzato anche nei pesticidi e mangimi (che il riso assorbe più di altre colture) che è cancerogeno. Se assunto per lunghi periodi, anche in piccole quantità, può portare a cambiamenti della pelle, problemi di cuore e ai vasi sanguigni e danni al sistema nervoso. I bambini che mangiano riso, a detta dei ricercatori, assumono quantità importanti di arsenico inorganico, in particolare quelli fino a tre anni d’età, la cui esposizione alimentare a questa sostanza è risultata essere due-tre volte maggiore di quella degli adulti.

Quello integrale ne contiene di più

“Il nostro studio – osservano gli scienziati – dimostra che il consumo di riso aumenta l’esposizione dei neonati all’arsenico più di quanto raccomandato dall’Oms per questa fascia di popolazione”. Secondo le analisi degli studiosi, poi, il riso integrale contiene l’80% in più di arsenico rispetto a quello bianco perché questa sostanza si accumula nello strato esterno del riso che durante la raffinazione viene eliminata. Il riso basmati bianco di India, Pakistan e della California ne contiene di meno.

 

 

 
 
 

In breve

MEGLIO ORZO E GRANO

Il riso assorbe l’arsenico dal terreno più degli altri cereali. In alternativa per l’alimentazione dei bambini si possono usare altri cereali come l’avena, l’orzo e il grano, dopo i 6 mesi di vita e se il bambino non soffre di celiachia.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti