Autosvezzamento: no a regole rigide per la pappa

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 18/01/2019

L’autosvezzamento, sempre più apprezzato da pediatri e genitori, propone un cambiamento alimentare più libero e naturale, in alternativa al metodo tradizionale

Niente pappe e frullatore, sì a mangiare a tavola con mamma e papà e ad alimenti sminuzzati introdotti senza regole rigide. È la nuova tendenza dell’autosvezzamento, un metodo  guidato dal desiderio del bambino, che il genitore deve riconoscere e assecondare, di provare liberamente ciò che sta in tavola.

Un modello alimentare per tutta la famiglia

Sul tema l’Associazione culturale pediatri ha elaborato un documento rivolto a specialisti e genitori, redatto da un gruppo di lavoro interdisciplinare, che mira a far capire come l’ autosvezzamento sia un modo per valorizzare la dieta di tutta la famiglia. L’obiettivo, infatti, è che i piccoli consumino lo stesso pasto del resto della famiglia (opportunamente sminuzzato, triturato o schiacciato). Questo vale non solo per i pasti principali, ma per tutti i momenti della giornata, compresi merende e spuntini fuori casa.

Verso i 6 mesi

A che età iniziare l’ autosvezzamento? La risposta è semplice: quando il piccolo mostra interesse per il cibo, ovvero lo richiede attivamente e mostra segni di adeguato sviluppo neuromotorio. Di solito questo succede verso i 6 mesi, ma è importante osservare il piccolo per capire quando è il momento giusto, perché ogni bambino è diverso dall’altro.

No alle forzature, sì al buonsenso

Il documento precisa che il latte (preferibilmente materno) resta l’alimento principale fino a 12 mesi. Il passaggio a una dieta solida deve essere un processo lento e rispettoso dei tempi di ciascun bambino, senza atti di forza. Il cardine dell’ autosvezzamento, infatti, è che il bambino mangi quello che vuole nelle quantità che vuole perché, messo a tavola insieme al resto della famiglia, ha modo di farne richiesta mostrando interesse. In tal caso non c’è motivo di immaginare una distinzione tra cibo per grandi e per piccoli. Non ci sono alimenti da evitare, basta il buon senso e ricordarsi di farli a pezzetti.

Un processo graduale

In questo modo i bambini imparano a usare le posate, a bere durante il pasto e a rispettare le regole della famiglia. Acquisiscono le stesse abitudini e i rituali dei grandi in modo istintivo, senza bisogno di addestramento. Con il tempo, aumentando le capacità manuali e masticatorie, la quantità di cibo solido assunta aumenta e, parallelamente, si riduce la richiesta di latte.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il documento sconsiglia l’uso della parola pappa intesa come brodini, così come svezzamento: significa togliere il vezzo del latte materno, ma l’allattamento non è un vizio.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti