Biscotti per bambini: proteine, calcio e vitamine

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/11/2012 Aggiornato il 28/11/2012

I biscotti per bambini sono buoni, leggeri e digeribili, perciò possono essere introdotti nella dieta del piccolo. Senza esagerare, però, perché sono molto calorici

Biscotti per bambini: proteine, calcio e vitamine

I biscotti per bambini, molto graditi dal piccolo, rappresentano una preziosa fonte di energia. Infatti, contengono carboidrati (zuccheri) sia complessi, ossia che forniscono all’organismo energia a lungo termine, sia semplici, cioè a rapido assorbimento. Non bisogna, però, esagerare con le dosi perché i biscotti sono comunque alimenti ricchi di grassi e di zucchero e quindi molto calorici.

Proteine e calcio

I biscotti per bambini sono anche una buona fonte di proteine, sostanze dette anche “i mattoni dell’organismo”, in quanto costituiscono il fondamento di tutti i tessuti del corpo. In più, sono arricchiti di sali minerali, in particolare di calcio e fosforo, importanti per le ossa, e di ferro, minerale essenziale per la formazione dei globuli rossi.

Vitamine B e C

Oltre che di sali minerali i biscotti per i bambini sono anche arricchiti di vitamine del gruppo B (in particolare B1, B2, B6, B3) e C. Le prime proteggono i tessuti dell’organismo, partecipano alla formazione dei globuli rossi, regolano il sistema nervoso. La vitamina C, invece, rafforza il sistema di difesa naturale dell’organismo e aiuta ad assimilare il ferro. Infine, apportano fibre, elementi che non apportano nutrienti ma che aiutano a regolarizzare l’attività intestinale, e grassi (sebbene in misura minore rispetto a quelli comuni) e non contengono uova, quindi possono essere mangiati con tranquillità anche dai più piccoli.

Granulati o solubili

Tra i 5-6 mesi se il bebè è allattato con il biberon, o dopo il 6° mese se nutrito al seno, puoi  cominciare a dare al piccolo i biscotti preparati con farine diastasate (di cereali, patate, legumi, sottoposte all’azione proteolitica dell’enzima amilasi, un tempo detto diastasi, da cui il nome farina diastasata), più digeribili. Basta mettere nel biberon di latte caldo (nel caso di allattamento artificiale) o nello yogurt (nel caso di allattamento al seno) un cucchiaino di biscotto granulato (identico dal punto di vista nutrizionale a quello intero) o un biscottino solubile e offrirlo al bebè a colazione o per merenda.

Con il glutine

Dal sesto mese puoi introdurre i primi biscottini, sia granulati sia solubili, contenenti il glutine in modo graduale per osservare gli effetti sul piccolo. Prima dei 6 mesi, infatti, i biscotti devono essere senza glutine, una proteina contenuta in molti cereali (orzo, avena, segale, farro, frumento e kamut) che può provocare, nei bimbi predisposti, la celiachia. Si può dare al piccolo un solo biscotto come semplice assaggio, sempre sciolto nel latte o nello yogurt, per poi aumentare a poco poco le dosi, sempre su indicazione del pediatra. Il biscotto può essere sciolto anche nella frutta omogeneizzata o grattugiata, da offrire a merenda al posto del latte.

Favoriscono l’autonomia

Verso gli 8 mesi il bimbo può cominciare a mangiarli da solo: i biscotti per l’infanzia sono studiati infatti per essere tenuti facilmente dalle manine del piccolo; inoltre, sono facili da masticare e si sciolgono in bocca, evitando quindi il pericolo che il bimbo possa soffocarsi con pezzetti di biscotto. In questa fase dello sviluppo, quindi, i biscotti rappresentano anche un ottimo stimolo per il bimbo a prendere confidenza con il cibo e ad allenarsi alla masticazione.

Dai 12 mesi anche quelli comuni

Dopo l’anno di età, puoi continuare a dare al piccolo i biscotti per l’infanzia o cominciare con quelli comuni. Puoi iniziare con i biscotti secchi, particolarmente leggeri, per poi passare, in modeste quantità e occasionalmente, ai frollini e a quelli farciti.

In breve

Sì ai biscotti per i bambini ma con moderazione

Al bambino piacciono perché sono dolci. In più sono ricchi di sostanze nutrienti fondamentali per la sua crescita: proteine, sali minerali, vitamine del gruppo B e C. Attenzione, però: a fronte di una facile digeribilità, i biscotti sono molto calorici. Occhio, quindi, a non esagerare con le quantità.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi che fa … jumping

03/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non è una buona idea far saltare il bambino tenendolo sotto le ascelle: molto meglio lasciarlo libero a terra, in attesa che impari a gattonare.  »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti