Contro l’obesità infantile meno sale nella pappa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/10/2013 Aggiornato il 22/10/2013

Un consumo esagerato di sale nell’alimentazione dei bambini provoca anche un consumo molto alto di bibite zuccherate, quindi aumenta il rischio di obesità infantile

Contro l’obesità infantile meno sale nella pappa

Attenzione al sale, fa male alla salute dei bambini perché alza la pressione e favorisce lo sviluppo dell’obesità infantile. Ad affermarlo è uno studio australiano, condotto dalla Deakin University e pubblicato sulla rivista scientifica Pediatrics, che ha dimostrato come un uso inappropriato di sale possa avere conseguenze negative sulla salute dei bambini, anche perché è strettamente legato a maggiore consumo di bibite zuccherate e, quindi, a un aumentato rischio di obesità infantile.

Sotto esame le abitudini alimentari

I ricercatori hanno osservato le abitudini alimentari di 4.283 bambini tra i 2 e i 16 anni e hanno visto che maggiore è il consumo di sale e più è alto quello di bibite zuccherate, succhi di frutta, acque aromatizzate ed energy drink. La predilezione per il gusto salato si accompagnerebbe, quindi, a comportamenti alimentari poco corretti, con un più elevato rischio di incorrere nell’obesità infantile.

Un fenomeno in pericolosa crescita

Nel nostro paese l’obesità infatile sta assumendo le dimensioni di un’“epidemia”. Si contano, infatti, un milione di bambini in sovrappeso, di cui 400 mila obesi. Una situazione cui è necessario porre rimedio, visti anche i problemi di salute connessi: diabete, ipertensione e arteriosclerosi che possono manifestarsi ancor prima dell’età adulta. Secondo gli esperti è importante abituare i bambini a un’alimentazione equilibrata fin dalla prima infanzia, non eccedendo con il sale per non favorire consuetudini dietetiche sbagliate. «Non dovrebbe essere dato ai bambini prima dell’anno di età, mentre spesso finisce nella pappa già durante lo svezzamento” commenta Claudio Maffeis, professore associato di pediatria presso l’Università di Verona e direttore dell’U.O.C. di diabetologia, nutrizione clinica e obesità pediatrica dell’Ulss 20 di Verona.

In breve

LE RACCOMANDAZIONI DEI PEDIATRI

La Società italiana di pediatria ha ribadito le indicazioni per prevenire sovrappeso e obesità nei bambini: allattarli esclusivamente al seno fino ai sei mesi di età, non eccedere con le proteine nei primi 2 anni di vita e sottoporli a visite periodiche dal pediatra per controllarne l’accrescimento; imporre alla visione della tv un limite di un paio d’ore al giorno; far fare almeno un’ora di attività fisica ai bambini tutti i giorni.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti