Età dello svezzamento: quella giusta è tra 4 e 6 mesi

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 16/10/2019 Aggiornato il 18/10/2019

L'età dello svezzamento più appropriata dipende dalle caratteristiche e dallo sviluppo del bimbo, ma nella maggior parte dei neonati è compresa tra 3-4 mesi e 6 mesi

Età dello svezzamento: quella giusta è tra 4 e 6 mesi

L’età dello svezzamento dipende da bambino a bambino, ma nella maggior parte dei casi va dai 4 ai 6 mesi.  Lo sostiene l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, secondo cui la valutazione è applicabile indipendentemente dal fatto che i neonati all’inizio siano allattati esclusivamente al seno o nutriti con latte artificiale.

Anche per i neonati pretermine

Dopo aver esaminato circa 300 studi, il gruppo di esperti ha concluso che l’età dello svezzamento dipende dalle caratteristiche e dallo sviluppo del bambino, ancor più nei neonati pretermine. Nella maggior parte dei neonati è compresa tra 3-4 mesi circa e 6 mesi. Fino a circa 6 mesi, infatti, la maggior parte dei bimbi non ha bisogno di alimenti complementari per esigenze nutritive, tranne alcuni neonati allattati esclusivamente al seno che presentano un rischio di carenza di ferro. Non ci sono dati sufficienti per determinare l’età esatta in cui introdurre alimenti complementari nei bambini di tutta Europa.

Coinvolgerlo nella preparazione

In linea di massima, per iniziare lo svezzamento a circa 4 mesi e mezzo si può cominciare a rendere il bambino partecipe della preparazione del cibo, fino alla degustazione del piatto finale. Tra i 5 mesi e mezzo e i 7 mesi è pronto per le prime esperienze di assaggio. È in grado di afferrare il cibo, metterlo in bocca e deglutirlo, accetta il cucchiaino, interagisce con la persona che gli dà da mangiare, si mostra interessato e attratto dalla tavola e dai piatti (sgrana gli occhi, allunga le braccia, dondola in avanti).

Cibi allergizzanti

Secondo il documento, infine, non ci sono prove del fatto che l’introduzione precoce di alimenti potenzialmente allergizzanti – come uova, cereali, pesce e arachidi – aumenti il rischio di sviluppare allergie. Infine non ci sono evidenze scientifiche sul fatto che l’introduzione di alimenti contenenti glutine prima dei 6 mesi possa determinare effetti positivi o negativi.

Da sapere!

Le organizzazioni sanitarie nazionali e internazionali ricordano di proseguire l’allattamento al seno fino a 6 mesi, se possibile anche oltre, parallelamente all’introduzione dei cibi solidi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti