Quando dare il formaggio ai bambini?

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 30/05/2022 Aggiornato il 30/05/2022

All’inizio dello svezzamento serve ad arricchire la pappa con sostanze nutrienti e sapore. In un secondo momento può sostituire la carne e il pesce come pietanza a sé. Ecco quando dare il formaggio ai bambini

formaggio ai bambini: quando darlo

Per i suoi preziosi nutrienti è un alimento indispensabile alla crescita del bambino. Contiene, infatti, proteine ad alto valore biologico (complete), calcio, fosforo e vitamine A, B2, B12, D. Ha però un elevato contenuto di grassi, che lo rendono un alimento altamente energetico e calorico. Tuttavia, in base al tipo formaggio, la percentuale di grassi varia: per il piccolo sono indicati i tipi più magri. Si può cominciare a darlo al bimbo nella prima pappa: un cucchiaino di formaggio grana grattugiato, il tipo più digeribile grazie al processo di stagionatura. Ecco quando dare il formaggio ai bambini.

Quali sono i benefici del formaggio?

Ciò che rende il formaggio un alimento unico è la presenza di calcio, il minerale più abbondante dell’organismo, fondamentale per il piccolo perché – oltre a essere indispensabile per la formazione e la crescita delle ossa e dei denti – interviene in altri importanti processi fisiologici come:
– la coagulazione del sangue
– la contrazione dei muscoli
– la trasmissione degli impulsi nervosi da una cellula ad un’altra.
Il fabbisogno di calcio per l’organismo umano non è sempre uguale, ma è massimo nei bambini per il raggiungimento del picco di massa ossea. Ma da solo il calcio non basta. E nel formaggio è presente l’abbinamento ottimale con il fosforo, importante perché favorisce:
– il benessere dei denti, ossa e cellule
– la contrazione dei muscoli
– la funzionalità dei reni
– la trasmissione degli impulsi nervosi.
Essendo un prodotto del latte, il formaggio – come tutti gli alimenti di origine animale – contiene proteine nobili, ossia complete di tutti gli aminoacidi (i mattoncini che le compongono) essenziali (9 nel bambino, 8 nell’adulto), proprio perché l’organismo non è in grado di produrli da solo, ma deve introdurli con l’alimentazione.

Che vitamine contiene il formaggio?

Il formaggio contiene:
– la vitamina A, importante per la vista, la pelle, le mucose e la crescita e lo sviluppo di tutte le cellule;
– la vitamina B2, che partecipa al metabolismo delle proteine e dei lipidi.
– la vitamina B12, essenziale per la formazione dei globuli rossi;
– la vitamina D, fondamentale per l’assorbimento del calcio e la crescita delle ossa.

Qual è il formaggio che ha meno calorie?

Il formaggio è un alimento molto energetico per la forte presenza di grassi (9 kcal per grammo, contro le 4 kcal di zuccheri e proteine). Tutti i formaggi contengono grassi, ma poiché la loro concentrazione dipende dalla quantità di acqua in essi presente, quelli più freschi ne contengono meno: quelli a pasta molle (con più del 45% di acqua) come la crescenza, lo stracchino, la mozzarella contengono meno grassi di quelli a pasta dura come il grana e il pecorino (che hanno meno del 45% di acqua). Proprio per il suo elevato contenuto di grassi è consigliato un consumo moderato anche nel bambino: circa 2-3 volte alla settimana.

Quali sono i formaggi che contengono fermenti lattici?

I formaggi freschi (stracchino, caprino e la ricotta, che in realtà deriva dal siero del latte) hanno una carica di microrganismi benefici paragonabili a quelli dello yogurt, utili per l’equilibrio della flora batterica intestinale. Per questo si consiglia di cominciare a proporre al bambino prima dell’anno di età, il formaggio fresco, quando la sua barriera intestinale non è ancora del tutto sviluppata.

Perché la ricotta non è un formaggio?

La ricotta non può essere definita un formaggio perché fatta con il siero e non con il latte.
Si chiama “ricotta” perché è cotta due volte: la prima durante il riscaldamento del latte per la produzione del formaggio, la seconda durante il riscaldamento del siero che ne è derivato. È molto magra poiché è costituita soprattutto da acqua (75%), ha pochi grassi (10%) ed è facilmente digeribile perché non contiene caseina (proteina del latte), ma albumina, proteina del siero del latte. Proprio per questa sua caratteristica è molto indicata nella fase di svezzamento. Tra l’altro fornisce proteine addirittura superiori per qualità a quelle del formaggio.

 

 

 
 
 

In sintesi

Quali formaggi per lo svezzamento?

A 5-6 mesi
Si può aggiungere un cucchiaino (5 g) di formaggio grana grattugiato nella pappa, anche tutti i giorni. Il formaggio stagionato è più ricco di calcio e proteine degli altri tipi.
A 7 mesi
È possibile aumentare la quantità di formaggio grattugiato a un cucchiaio (10 g). Si può anche aggiungere alla pappa i formaggini formulati apposta per l’infanzia a tenore lipidico calibrato, cioè a ridotto contenuto di grassi, senza polifosfati, citrati e conservanti aggiunti. Si sciolgono facilmente, conferendo alla pappa un gradevole sapore. Si comincia con un paio di cucchiaini, poi con mezzo vasetto, fino a proporre l’intero vasetto 2-3 volte alla settimana in alternativa alla carne o al pesce. Vanno, invece, evitati i formaggini comuni, perché troppo ricchi di grassi, sale e polifosfati, sostanze utilizzate come aggreganti ricche di fosforo che, se presente in eccesso, può ostacolare l’assorbimento del calcio.
A 8-9 mesi
Si possono introdurre nello svezzamento i formaggi freschi come la crescenza, la ricotta e il caprino. All’inizio un cucchiaio abbondante, poi, alla fine del 9° mese, 30 g, sempre 2-3 volte alla settimana.
Dopo i 12 mesi
Dopo l’anno di età il formaggio potrà essere proposto da solo, in alternativa carne, pesce o uova, per non sovraccaricare i reni coni troppe proteine: massimo 50 g 2-3 volte alla settimana. A questa età si può anche cominciare a offrire la mozzarella, un formaggio a pasta filata, più difficile da digerire e un po’ più ricco di grassi.

 

 

Fonti / Bibliografia

  • CalcioIl calcio è il minerale più abbondante nell'organismo. Il 99% della sua quantità totale è concentrata nelle ossa, dove è accumulato sotto forma di carbonato.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti