Primi assaggi di pesce nello svezzamento

Dottor Piercarlo Salari A cura di Dottor Piercarlo Salari Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 28/08/2018

Il pesce è un alimento fondamentale nello svezzamento del piccolo: non solo è, al pari della carne, una fonte preziosa di sostanze nutrienti, ma, a differenza della carne, è facilmente digeribile e masticabile dal piccolo, perché contiene una quantità ridotta di tessuto connettivo (quello che tiene unite le fasce muscolari)

Svezzamento: se mangia da solo ingrasserà di meno!

A meno che il bambino non sia a rischio di allergia, non c’è ragione per ritardare l’introduzione del pesce nella dieta del piccolo. Dopo i primi assaggi di questo alimento in vasetto, verso gli 8-10 mesi del piccolo, si può perciò passare al prodotto fresco. In questo caso occorre fare attenzione ad alcuni particolari al momento dell’acquisto. A questo proposito, esiste uno specifico regolamento europeo che stabilisce i parametri secondo cui classificare la freschezza dei pesci. Gli elementi da considerare sono:

  • la carne: nel pesce fresco è elastica; se è molle o flaccida, significa che il pesce non è fresco.
  • le squame: se il pesce non è fresco, le squame si sollevano e si staccano facilmente e la superficie appare piuttosto rugosa.
  • l’occhio: nel pesce fresco è convesso e leggermente infossato; la pupilla è di colore nero spento e la cornea leggermente opalescente. Se, invece, l’occhio è concavo al centro, ha la pupilla grigia o la cornea lattiginosa, il pesce non è fresco.
  • l’odore: nel pesce fresco, l’odore delle branchie e della cavità addominale è neutro; nel pesce non fresco, invece, è piuttosto acre.
  • le branchie: nel pesce fresco, sono un po’ scolorite e si nota la presenza di muco trasparente sulla loro superficie. Se il pesce non è fresco, le branchie sono di colore giallognolo e il muco ha un aspetto lattiginoso.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti