Crema di riso all’uovo

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 30/08/2019 Aggiornato il 30/08/2019

Età: da 10 mesi. Difficoltà: media. Lista della spesa: crema di riso, patate, carote, olio extravegine d'oliva, uova.

Crema di riso all’uovo

Ingredienti

40 g di crema di riso istantanea, una patata, una carota piccola, un cucchiaio di olio extravergine d’oliva, un tuorlo d’uovo crudo.

Preparazione

Lava le verdure, pela la patata e raschia la carota, taglia il tutto a pezzettini e cuoci in 500 ml di acqua per 20 minuti circa, finché diventano morbide. Passa le verdure con il passaverdure. Versa 250 ml di brodo in un piattino fondo, amalgama con la crema di riso e 2-3 cucchiai di verdure passate, mescolando bene così da non far formare grumi. Per ultimo unisci il tuorlo d’uovo fresco e condisci con l’olio. Mescola leggermente e servi subito al bimbo.

 

CONSULTA LE ALTRE RICETTE PER LO SVEZZAMENTO DEL TUO BAMBINO. CLICCA QUI!

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti