Delizia alla rapa

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 02/11/2018 Aggiornato il 02/11/2018

Età: da 10 mesi. Difficoltà: media. Lista della spesa: sedano rapa, mela, patata, polenta cremosa, olio extravergine d'oliva, formaggio tipo grana.

Delizia alla rapa
Ingredienti

80 g di sedano rapa, mezza mela, mezza patata, 30 g di polenta cremosa, un cucchiaino di formaggio stagionato tipo grana grattugiato o a pezzi e uno di olio extravergine d’oliva.

Preparazione

Lava, pela e taglia a pezzi il sedano rapa e la mezza patata e cuoci al vapore per 15 minuti circa. Frulla il tutto. Aggiungi la mezza mela senza buccia e torsolo, un cucchiaio di acqua di cottura e l’olio extravergine d’oliva e rendi poi un composto omogeneo continuando a frullare. In una tazza adatta al forno, disponi sul fondo la polenta, sopra il composto di verdure e spolverizza con il formaggio grana (grattugiato o a pezzettini per i più grandi). Cuoci in forno a 180° C per 15 minuti finchè non diventa dorato.

 

CONSULTA LE ALTRE RICETTE PER LO SVEZZAMENTO DEL TUO BAMBINO. CLICCA QUI!

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti