Gnocchi di zucca

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/01/2013 Aggiornato il 29/01/2015

Età: da 10 mesi; Difficoltà: Difficile

Gnocchi di zucca

Ingredienti

 

90 g di zucca, una patata, 20 g di farina bianca, qualche scaglia di formaggio tipo grana, due cucchiaini di olio extravergine d’oliva

 

 

Preparazione

 

Taglia la zucca a pezzi grossi, adagiali in una teglia e inforna a 160° C  per circa 20 minuti per ammorbidirli. Sfornali, togli la buccia e mettili nel passaverdura per ottenere una crema.

 

Lava la patata e lessala con la buccia in un po’ d’acqua per circa 30 minuti. Pelala e passala nello schiacciapatate. 

 

In una terrina unisci la patata, la zucca, la farina, qualche scaglia di formaggio (tienine da parte due o tre) e un cucchiaino di olio. Impasta tutto con le mani fino a ottenere un composto liscio e omogeneo non troppo sodo. Fai dei cordoncini e tagliali a pezzetti, quindi rotolali nella farina. 

 

Lessa gli gnocchi in acqua bollente, scolali non appena emergono in superficie e servili al piccolo con l’altro cucchiaino di olio e il rimanente formaggio.

 

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti