Muffin ai fiocchi d’avena

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/04/2020 Aggiornato il 24/04/2020

Età: da 12 mesi; Difficoltà: Media; Lista della spesa: farina d'avena, farina di riso, fiocchi d'avena, uova, zucchero, latte di riso, olio, limone, lievito, cannella

Muffin ai fiocchi d’avena

Ingredienti

300 g di farina d’avena macinata, 100 g di farina di riso, un cucchiaio di fiocchi d’avena, 200 ml di latte di riso biologico, 100 g di zucchero di canna integrale, 100 g di olio di girasole, 2 uova, il succo di mezzo limone, una bustina di lievito, cannella da grattugiare

Preparazione

In una ciotola capiente sbatti bene le uova, aggiungi prima lo zucchero, poi l’olio, il latte di riso e il succo di limone. Grattugia la cannella e mescola bene il tutto. In un’altra ciotola mescola la farina d’avena con la farina di riso, aggiungi le due farine alla miscela liquida, mescolando. Unisci il lievito, amalgama bene e fai riposare in frigorifero per 30 minuti. Fodera gli stampi da muffin con la carta da forno e accendi il forno a 180° C. Riempi ogni stampo per due terzi, cospargi la superficie con i fiocchi d’avena e inforna per 20-30 minuti. Fai raffreddare prima di servire.

 

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti