Polpette di ricotta e prosciutto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/09/2014 Aggiornato il 02/02/2015

Età: da 10 mesi; Difficoltà: Facile

Polpette di ricotta e prosciutto

Ingredienti

400 g di ricotta, 150 g di prosciutto cotto, un uovo, 3-4 cucchiai di pangrattato, 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale (dopo l’anno) 

Preparazione

In una ciotola capiente unisci la ricotta, il prosciutto cotto tritato grossolanamente, l’uovo ed eventualmente il sale. Mescola bene fino a formare un impasto omogeneo.

Con le mani fai delle polpette da passare poi in un piatto con il pangrattato così da impanarle leggermente. 

Cuoci le polpette in una padella con l’olio caldissimo, fai intiepidire e servi al bimbo.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti