Purea di ceci con verdure

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 04/09/2020 Aggiornato il 04/09/2020

Età: da 10 mesi. Difficoltà: media. Lista della spesa: ceci secchi, carote, zucchine, rosmarino, formaggio grana, olio extravergine d'oliva.

Purea di ceci con verdure
Ingredienti

50 g di ceci secchi, una carota, una zucchina, un rametto di rosmarino, un cucchiaino di formaggio grana grattugiato, un cucchiaino di olio extravergine d’oliva.

Preparazione

Lascia in ammollo i ceci per una notte. In una pentola metti i legumi e il rosmarino. Copri con acqua e cuoci per un’ora. Elimina il rosmarino e passa i ceci con il passaverdure. Lava e spunta la carota e la zucchina, pela la carota e taglia le verdure a dadini. Cuoci al vapore per 15 minuti. In una ciotolina versa la purea di ceci, i pezzettini di verdure, l’olio e il formaggio grattugiato e mescola. Se il bimbo è più grandicello, si può servire la purea di ceci separata dalle verdure.

CONSULTA LE ALTRE RICETTE PER LO SVEZZAMENTO DEL TUO BAMBINO. CLICCA QUI!

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti