Torta di polenta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/03/2013 Aggiornato il 27/01/2015

Età: da 10 mesi; Difficoltà: Media

Torta di polenta

Ingredienti

(dosi per una torta) 150 g di farina di mais, 200 g di mele, un cucchiaino di olio extravergine d’oliva, 100 ml di latte formulato già diluito 

 

 

Preparazione

Lava le mele, togli il picciolo, pelale, elimina il torsolo e riducile a pezzettini. Versa i tocchetti di mela in una pentola, aggiungi due dita d’acqua e fai cuocere fino a quando non si disfano.

Unisci l’olio extravergine d’oliva, il latte formulato e mescola (eventualmente si può aggiungere un po’ di acqua se risulta troppo denso). Versa la farina un po’ alla volta, mescolando in continuazione e amalgamando bene il tutto.

 

Versa il composto in uno stampo foderato con carta da forno e metti nel forno preriscaldato a 180° C per circa 25 minuti.  Lascia intiepidire prima di affettarla e di servirla al piccolo.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti