Barchette con crema di fragole

Età: da 12 mesi. Difficoltà: media. Lista della spesa: farina, zucchero, olio extravergine d'oliva, miele d'acacia, yogurt greco magro, fragole

Barchette con crema di fragole
Ingredienti per 3

30 g di farina tipo 00, 10 g di zucchero a velo, un cucchiaio di olio extravergine d’oliva, 2 cucchiaini di miele d’acacia, 60 g di yogurt greco magro, 90 g di fragole, barchette di carta per la presentazione

Preparazione

In una ciotola amalgama la farina con lo zucchero e l’olio, aggiungendo un po’ d’acqua in modo che si formi un impasto omogeneo da far riposare coperto per una mezz’ora. Nel frattempo pulisci bene le fragole, togliendo il picciolo e tagliandole a fette e ungi e infarina 3 stampini tondi da forno. Stendi poi l’impasto molto sottile con l’aiuto di un mattarello, quindi ritaglia 3 cerchi da adagiare negli stampini, pareggiando tutti i bordi di ogni formina. Buca il fondo con una forchetta e fai cuocere in forno a 190° C per 10 minuti. Metti nel bicchiere di un mixer le fragole con il miele e lo yogurt e frulla. Sistema la crema nelle cialde tolte dagli stampini, mettile nelle barchette di carta e servine una al bimbo.

 

CONSULTA LE ALTRE RICETTE PER LO SVEZZAMENTO DEL TUO BAMBINO. CLICCA QUI!

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti