Biscotti leggeri alla banana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/12/2018 Aggiornato il 10/12/2018

Età: da 12 mesi. Difficoltà: media. Lista della spesa: farina di riso, farina di mais, farina di mandorle, zucchero integrale, banana, olio extravergine d'oliva.

Biscotti leggeri alla banana

Ingredienti

100 g di farina di riso, 100 g di farina di mais tipo fioretto, 100 g di farina di mandorle, 50 g di zucchero integrale, una banana, 50 g di olio extravergine d’oliva.

Preparazione

In una ciotola capiente mischia le tre farine con lo zucchero. A parte schiaccia la banana con una forchetta e uniscila al mix di farine, aggiungendo anche l’olio extravergine d’oliva. Forma un composto omogeneo, impastando anche con le mani su un piano di lavoro leggermente infarinato. Stendi in uno strato alto circa mezzo centimetro e taglia i biscotti della forma desiderata. Disponili su una teglia ricoperta con carta da forno e cuocili nel forno caldo a 180° per 15 minuti circa. Attenzione: sono pronti quando i margini cominciano a essere leggermente dorati. Fai raffreddare e servine qualcuno al bimbo.

CONSULTA LE ALTRE RICETTE PER LO SVEZZAMENTO DEL TUO BAMBINO. CLICCA QUI!

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti