Bocconcini di ricotta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/02/2012 Aggiornato il 26/01/2015

Età: da 12 mesi; Difficoltà: Difficile

bocconcini di ricotta

Ingredienti

200 g di ricotta, 100 g di patate, un uovo, due cucchiai di formaggio grattugiato tipo grana, un cucchiaio di latte intero, 3 cucchiai di pane grattugiato, un ciuffo di prezzemolo, un pizzico di sale fino

Preparazione

• Lava e pela le patate. In un pentolino metti un po’ d’acqua e fai bollire le patate per circa 20  minuti; quando sono cotte schiacciale con una forchetta.

• In un piattino sbatti l’uovo. Unisci la ricotta e il pizzico di sale e amalgama bene. Aggiungi anche il formaggio grattugiato tipo grana, le patate schiacciate, il cucchiaio di latte intero e il prezzemolo precedentemente lavato, asciugato e sminuzzato, quindi amalgama.

• Con le dita fare delle piccole palline e passale nel pane grattugiato. Disponi i bocconcini di ricotta in una teglia foderata con carta da forno e fai cuocere in forno già caldo a 160° C per circa 20 minuti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti