Focaccia all’uva

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/10/2013 Aggiornato il 28/01/2015

Età: da 12 mesi; Difficoltà: Media

Focaccia all'uva

Ingredienti

200 g di pasta per la pizza, un grappolo d’uva, due cucchiai di olio extravergine d’oliva, un rametto di rosmarino, un cucchiaino di miele, un pizzico di sale

Preparazione

Disponi la pasta in un’ampia superficie, fai un buco al centro e mettici il rosmarino tritato, il miele, l’olio e il sale. Impasta tutto per distribuire bene i vari ingredienti. Stendi la pasta su una placca da forno.

Lava i chicchi d’uva, tagliali a metà e togli i semi interni. Schiacciali bene  e aggiungili all’impasto, sopra la pasta stesa.

Fai riposare per mezz’ora circa.

Inforna la focaccia nel forno già caldo a 250° C per mezz’ora circa, finché risulta ben cotta. Fai intiepidire, taglia a pezzi e danne qualcuno al bimbo.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti