Frullato di cachi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/10/2012 Aggiornato il 26/01/2015

Età: da 12 mesi; Difficoltà: Facile

Frullato di cachi

Ingredienti

Un cachi, una carota piccola, un succo 
di frutta alla pera, un limone non trattato, 
un cucchiaino di miele d’acacia

Preparazione

 

Lava con cura il limone e taglialo a metà. Lava la carota, raschiala, elimina le estremità e dividila in due metà. Passale con il limone, in modo che non si anneriscano. Riducine una a pezzettini di 2-3 centimetri e grattugia l’altra.

 

Passa velocemente sotto l’acqua il cachi, elimina il picciolo e la buccia. Metti la polpa ottenuta nel frullatore, aggiungi la carota a pezzetti e il succo di frutta alla pera, poi azionalo per qualche secondo alla velocità più bassa.

 

Travasa il frullato ottenuto in un grosso bicchiere e unisci il miele e la carota grattugiata. Mescola bene e servi.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti