Polpettone vegetariano

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/01/2013 Aggiornato il 27/01/2015

Età: da 12 mesi; Difficoltà: Media

Polpettone vegetariano

Ingredienti

500 g di patate, 2 uova, 150 g di spinaci, una mozzarella, 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, un rametto di rosmarino, un pizzico di sale, un cucchiaio di pangrattato

Preparazione

Lessa le patate per 30 minuti, scolale, falle intiepidire, sbucciale e schiacciale con lo schiacciapatate. Nel frattempo lessa anche gli spinaci, strizzali e tritali molto finemente. 

In una ciotola unisci le patate, gli spinaci, le uova, il rosmarino tritato, il sale e la mozzarella tagliata a cubetti. Amalgama il tutto. Stendi un foglio di carta d’alluminio, versaci sopra l’impasto e dai la forma di polpettone. Spolverizza il tutto con il pangrattato e versa l’olio. Avvolgi nella stagnola lasciando la parte superiore scoperta.

 

Fai cuocere nel forno caldo a 180° C per 30 minuti. Lascia intiepidire e servine al bimbo un paio di fette.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti