Risottino con i frutti di bosco

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/11/2015 Aggiornato il 13/11/2015

Età: da 12 mesi; Difficoltà: media; Lista della spesa: frutti di bosco, riso, latte, brodo vegetale, olio extravergine d'oliva, formaggio stagionato tipo grana

Risottino con i frutti di bosco

Ingredienti

70 g di riso arborio, 30 g di frutti di bosco, 50 ml di latte, un cucchiaio di latte, mezzo litro di brodo vegetale, un cucchiaino di olio extravergine d’oliva

Preparazione

Lava bene i frutti di bosco, sciacquandoli più volte, e cuocili nel latte a fuoco basso per 5 minuti. Versa il tutto nel bicchiere del frullatore e aziona per un minuto in modo da avere una salsa omogenea di colore scuro, a seconda dei frutti di bosco utilizzati. Fai scaldare il brodo vegetale. In un’altra pentola metti l’olio, versa il riso e cuoci aggiungendo poco alla volta il brodo vegetale caldo fino a cottura. Alla fine, versa al centro la crema di frutti di bosco, amalgama leggermente in modo da ottenere un risotto variegato e manteca con il formaggio. Disponi il riso nel piatto e servi.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti