Torta di mele leggera

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/09/2013 Aggiornato il 27/01/2015

Età: da 12 mesi; Difficoltà: Facile

Torta di mele leggera

Ingredienti

Un chilo di mele renette, 150 g di farina, un uovo, 30 g di miele, un limone, 50 ml di latte, 15 g di lievito per dolci

Preparazione

Lava le mele, sbucciale, tagliale a fettine sottili e mettile in una ciotola. Grattugia la buccia di un limone sopra le mele e spremici il succo per non farle annerire.

In un’altra ciotola sbatti l’uovo con il miele fino a formare una crema spumosa. Aggiungi, sempre mescolando, la farina, il latte e il lievito. Per ultimo unisci le mele.

Fodera con la carta da forno una tortiera e versaci il composto. Cuoci nel forno già caldo a 180° C per 45 minuti circa. Fai raffreddare, dividi in pezzi e servi al bimbo.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti