Farina di riso alla pera

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 17/01/2020 Aggiornato il 17/01/2020

Età: da 4 mesi. Difficoltà: media. Lista della spesa: latte di tipo 1 o 2, farina di riso, omogeneizzato di pera o pera.

Farina di riso alla pera

Ingredienti

180 ml di latte di tipo 1 o 2 a seconda dell’età, 2 cucchiaini di farina di riso, mezzo omogeneizzato di pera (o pera fresca).

Preparazione

Sciogli la farina di riso in poco latte mescolando bene e vigorosamente, così da non far formare dei grumi, e poi aggiungi tutto il latte, sempre mescolando. Con l’aiuto di un omogeneizzatore che non ingloba aria, fai amalgamare con l’omogeneizzato di frutta finché non risulta un composto omogeneo. Se utilizzi la frutta fresca, devi prima omogeneizzarla e poi unirla al composto. Cuoci quindi in un pentolino antiaderente, a fiamma bassa, per qualche minuto, senza portare a ebollizione. Se si vuole servire la farina di riso con il biberon invece che con il cucchiaino, occorre aggiungere un po’ d’acqua.

 

CONSULTA LE ALTRE RICETTE PER LO svezzamento DEL TUO BAMBINO. CLICCA QUI!

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti