Crema di mais e tapioca con coniglio

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 29/11/2019 Aggiornato il 29/11/2019

Età: da 6 mesi. Difficoltà: bassa. Lista della spesa: crema di mais e tapioca, carote, patate, lattuga, coniglio omogeneizzato, olio extravergine d'oliva.

Crema di mais e tapioca con coniglio

Ingredienti

3 cucchiai di crema di mais e tapioca, una carota, una patata, una foglia di lattuga, un omogeneizzato di coniglio, un cucchiaino di olio extravergine d’oliva.

Preparazione

Lava le verdure, pela la patata e la carota e taglia a pezzettini tutte le verdure, compreso la foglia di lattuga. Falle cuocere in 500 millilitri di acqua per 30 minuti, filtra il brodo e passa le verdure con il passaverdure. In un piattino versa 200 ml di brodo caldo ma non bollente, unisci due cucchiai di verdure grigliate e amalgamaci la crema di mais e tapioca, facendo attenzione a non far formare grumi. Unisci poi la carne omogeneizzata, mescolando bene. Per ultimo condisci con l’olio e servi subito al bimbo.

 

CONSULTA LE ALTRE RICETTE PER LO svezzamento DEL TUO BAMBINO. CLICCA QUI!

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti