Merenda con biscotti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/02/2012 Aggiornato il 26/01/2015

Età: da 6 mesi; Difficoltà: Facile

merenda con biscotti

Ingredienti

un vasetto di yogurt per l’infanzia (125 g), mezzo omogeneizzato alla mela, mezza banana, un biscotto per l’infanzia

Preparazione

• Togli lo yogurt dal frigorifero almeno un quarto d’ora  prima di servire la merenda al bambino affinché non risulti troppo freddo.

• Sbuccia metà banana, togli le estremità e le eventuali parti ammaccate. Mettila in un piatto e tagliala a pezzetti molto piccoli. Sbriciola il biscotto per l’infanzia.

• Versa lo yogurt in una tazza e aggiungi il mezzo omogeneizzato alla mela, poi amalgama bene. Unisci i pezzetti di banana e mescola ancora. Spolvera il tutto con il biscotto sbriciolato e servi al piccolo. 

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti