Spiedini di patata a soffietto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/04/2016 Aggiornato il 15/04/2016

Età: da 8 mesi; Difficoltà: bassa; Lista della spesa: patata, olio extravergine d'oliva, timo fresco, origano

Spiedini di patata a soffietto

Ingredienti

Una patata, un cucchiaio di olio extravergine d’oliva, qualche fogliolina di timo fresco, un pizzico di origano

Preparazione

Lava e sbuccia la patata. Tagliala a fette sottili e infilzale su uno stecchino di legno. Fai bollire in una pentola capiente abbondante acqua, versavi la patata con lo stecchino e cuoci per 5 minuti. Scola e metti lo spiedino in una teglia ricoperta con carta da forno. Condisci con l’olio, le foglioline di timo e l’origano e cuoci in forno a 180° C per una quarantina di minuti, coprendo con della carta stagnola per i primi venti minuti. Fai intiepidire e servi al bimbo.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti