Sonno dei bambini: migliora con la pappa

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 06/09/2018

Anticipare lo svezzamento per favorire il sonno dei bambini? La proposta inglese

È quanto sostiene uno studio congiunto dei ricercatori del King’s College London e della St George’s University di Londra (Regno Unito), che hanno deciso di verificare la veridicità della convinzione del 75% delle madri britanniche che svezzano i loro figli prima dei 6 mesi di vita, come prevedono le attuali Linee guida, per favorirne il sonno dei bambini.

Sonno e alimentazione

Gli autori hanno esaminato il rapporto tra alimentazione e sonno in 1.303 bambini di tre mesi allattati esclusivamente al seno. Dopo aver suddivido i piccoli in due gruppi, gli studiosi hanno chiesto alle mamme di iniziare lo svezzamento a partire dai 6 mesi, oppure di cominciare a introdurre cibi solidi nella dieta già a 3 mesi.

Dormono di più e meglio

Al termine della sperimentazione, gli scienziati hanno scoperto che i bambini che erano stati svezzati prima dei 6 mesi si addormentavano prima, dormivano più a lungo, si svegliavano meno frequentemente e soffrivano meno di problemi del sonno rispetto a quelli che per i primi 6 mesi di vita avevano assunto soltanto latte materno() Quando i bimbi hanno compiuto 6 mesi, i bambini svezzati precocemente dormivano in media un quarto d’ora (16,6 minuti) di più a notte rispetto agli altri, per un totale di quasi 2 ore in più alla settimana. Inoltre, la frequenza con cui si svegliavano durante la notte era da 2 a 1,74 volte inferiore. Di conseguenza, anche i loro genitori soffrivano meno frequentemente di disturbi del sonno rispetto a quelli degli altri bebè.

Nuove regole di svezzamento?

Anche se le Linee guida identificano nel sesto mese compiuto il periodo ideale per cominciare lo svezzamento, i risultati dello studio supportano la convinzione diffusa tra i genitori secondo cui l’introduzione precoce di cibi solidi nella dieta migliori il sonno dei bambini. Lo studio inglese suggerisce che questa indicazione potrebbe essere riesaminata alla luce delle prove raccolte.

 
 
 

Da sapere!

Nel mondo industrializzato il 25% dei bambini sotto i 5 anni soffre di disturbi del sonno, mentre dopo i 6 anni e fino all’adolescenza la percentuale è del 10-12%. Tra le cause, anche la dieta scorretta e alcuni errori dei genitori.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti