Svezzamento: i 5 errori che compromettono la salute futura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/12/2015 Aggiornato il 31/12/2015

Svezzamento perfetto per il bene futuro del bimbo: banali errori alimentari nello svezzamento accentuerebbero il rischio di obesità e di altri problemi cardiovascolari nelle età successive. Vediamo i cinque più comuni

Svezzamento: i 5 errori che compromettono la salute futura

Attenzione neo mamme: durante lo svezzamento no al “fai da te”, si alle indicazioni del pediatra basate su evidenze scientifiche e ai criteri stabiliti dalle linee guida nazionali ed internazionali. A lanciare il monito è il dottor Claudio Maffeis, pediatra esperto in nutrizione della Sip (Società italiana di pediatria) e professore dell’Università di Verona, secondo il quale le mamme commetterebbero diversi errori, anche molto banali, al momento dello svezzamento. A svantaggio della salute futura del bambino, perché il tempo dello svezzamento è fondamentale per porre le basi di come si sarà da grandi. Ecco i cinque errori più comuni

1 Svezzamento precoce o tardivo

Si conferma che il latte materno (o il latte formulato qualora non sia disponibile) è l’alimento ideale del bebè certamente fino al sesto mese di vita perché in grado di soddisfare tutte le sue necessità nutrizionali. Superati i primi sei mesi, diventa, invece, basilare integrare il latte con altri alimenti per coprire gli aumentati fabbisogni. Maffeis ricorda che il momento migliore per iniziare lo svezzamento è: mai prima del quarto mese, mai dopo il sesto. E aggiunge anche che lo svezzamento precoce è stato associato al rischio di obesità, mentre quello tardivo a carenze nutrizionali.

2 Eccesso di proteine

Molti studi dimostrerebbero che i bambini assumerebbero un quantitativo proteico superiore alle loro necessità, con il conseguente rischio di promuovere l’obesità anche ad anni di distanza. Pertanto, per evitare di fornire proteine più del dovuto, è fondamentale allattare il bebè con il latte materno e, qualora non sia possibile, con latti artificiali con contenuti proteici simili a quelli del latte materno. No, invece, al latte vaccino almeno fino al compimento del primo anno di vita perché contiene quasi 4 volte più proteine del latte umano.

3 Troppi zuccheri semplici

Anche se non esistono ancora specifiche raccomandazioni per la prima infanzia sulla corretta quantità di zuccheri da assumere, Maffeis suggerisce di seguire le raccomandazioni dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, secondo cui bambini ed adulti dovrebbero limitare gli apporti di zuccheri semplici a meno del 10% delle calorie totali e, ancor meglio, a meno del 5%.

4 Pochi grassi e carboidrati

Nei primi anni di vita, diversamente dagli anni successivi, è indispensabile che il bambino assuma una quota di grassi relativamente alta perché i lipidi sono necessari alla sintesi delle strutture nervose in rapida crescita. Pertanto, dopo il latte materno o il latte formulato, è bene non somministrare latte scremato o parzialmente scremato, ma latte intero (più ricco in grassi) fino ai tre anni. Anche per i carboidrati, l’apporto deve aumentare con l’età perché il glucosio, in particolare, è essenziale al funzionamento dell’attività muscolare. Quindi via libera a cereali e frutta, alimenti ricchi di carboidrati, aumentandone le quantità con l’età.

5 Aggiunta di sale

Maffeis conferma di non aggiungere il sale nella pappa del bebè almeno fino all’anno di vita perché gli alimenti preparati già contengono una quantità sufficiente di sodio e poi perché abituare il bambino al gusto del salato potrebbe favorire la comparsa dell’ipertensione arteriosa in futuro. Dopo l’anno, poi, il sale va aggiunto a piccole dosi.

ECCO COME FARE UNO SVEZZAMENTO SANO E SICURO

 

 

DA SAPERE

SI DECIDE TUTTO NEI PRIMI ANNI DI VITA

Gli errori nello svezzamento, spiega sempre il dottor Maffeis, possono portare in età adulta alla manifestazione di carenze nutrizionali o patologie cardiovascolari come sovrappeso, obesità e ipertensione. Ecco perché diventa fondamentale garantire una corretta alimentazione del bebè fin dai suoi primi mesi di vita. Ed evitare di sbagliare.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti