Troppi zuccheri negli alimenti per bambini

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 19/09/2019 Aggiornato il 19/09/2019

Un nuovo rapporto dei pediatri inglesi mette in guardia i genitori dai troppi zuccheri presenti nei cibi, persino negli alimenti destinati ai bambini

Troppi zuccheri negli alimenti per bambini

Viene dal Royal College of Paediatrics and Child Health una denuncia riguardo la presenza di troppi zuccheri negli alimenti per bambini che creano pessime abitudini, provocando carie, sovrappeso e obesità. Eppure proprio la Gran Bretagna si era posta un obiettivo: dimezzare entro il 2030 il tasso di obesità infantile (uno dei più alti dei paesi occidentali, è obeso un bambino su cinque nella fascia di età tra i due e i quattro anni). L’associazione governativa Public Health England intanto ha pubblicato un’impietosa analisi degli alimenti per l’infanzia, dalla quale emerge quanto grande sia ancora la distanza che separa le buone intenzioni dalla realtà.

Il gusto dei bambini va educato

I medici britannici sottolineano come la concentrazione di zuccheri sia ancora molto alta, anche quando non ve ne sono di aggiunti. Inoltre ricordano che molti alimenti non aiutano il bambino a imparare a mangiare da solo (sempre più spesso sono in forma di purea) e che la varietà, soprattutto delle verdure, è sempre più ridotta. I bambini amano il gusto dolce, ma non bisogna assecondare questa tendenza; al contrario, è necessario sfruttare la loro curiosità e abituarli a sapori aspri e amari, o comunque non dolci, come quelli delle verdure, quali ad esempio i broccoli o gli spinaci. Condanna ferma, poi, ai cibi consigliati dai quattro mesi (che possono contenere un po’ di zucchero): prima dei sei mesi infatti bisognerebbe limitarsi all’allattamento al seno, o al latte artificiale, senza dare zuccheri aggiunti.

Allarme anche dall’OMS

Altri studi avevano dimostrato risultati analoghi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità/Europa ha sviluppato una metodologia per l’identificazione di alimenti commerciali per bambini disponibili in contesti di vendita al dettaglio, e per la raccolta di dati sui contenuti nutrizionali indicati sulle etichette e altri imballaggi, rilevando che una parte sostanziale dei prodotti, compresa tra il 28% e il 60%, era commercializzata come adatta per i bambini di età inferiore ai 6 mesi. Questo non rispetta il Codice internazionale dell’Oms sui sostituti del latte materno e sulle linee guida in materia. Inoltre circa un terzo dei prodotti esaminati conteneva zucchero, succo di frutta concentrato o altri agenti dolcificanti.

 

Da sapere

A RISCHIO LA SALUTE FUTURA DEI BIMBI

Ciò che è grave è che tutti questi aromi e zuccheri aggiunti potrebbero influenzare lo sviluppo delle preferenze di gusto dei bambini, aumentando il loro gradimento per i cibi più dolci. Una cattiva alimentazione si ripercuote non solo sulla salute del bambino ma anche su quella del futuro adulto.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti