viki

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/08/2012 Aggiornato il 21/08/2012

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: viki
Buonasera dottoressa, ho un bambino di 6 mesi al quale ho fatto provare il pesce; quando glielo voglio dare, però, inizia a piangere e rifiuta di mangiarlo. Cosa posso fare per "convincerlo"? Grazie

Buongiorno. Immagino che stia proponendo l'omogeneizzato di pesce, non quello fresco. Può aspettare ancora un po' a introdurlo nella sua alimentazione; in genere, io consiglio dopo il 7° mese, cominciando con omogeneizzati di trota, salmone, sogliola; per ultimi, nasello e merluzzo. Per il momento non insista, in modo da evitare che poi rifiuti più alimenti. Cordiali saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti