Il baby talk funziona!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/09/2016 Aggiornato il 16/09/2016

Il baby talk, ossia le paroline che spesso i genitori rivolgono ai propri bimbi, è utile per insegnare loro a parlare bene. Ecco perché

Il baby talk funziona!

Molto spesso capita di sentire mamme e papà rivolgersi ai propri piccoli con parole e suoni sdolcinati. E questo può sembrare magari un po’ ridicolo e imbarazzante. In realtà, il baby talk utilizzato coi bimbi insegna loro a parlare bene. Secondo la ricerca effettuata dalla Rutgers University, pubblicata su Psychologycal Review, il baby talk, cioè il linguaggio buffo utilizzato dagli adulti con i bambini, fatto di suoni, cambi di intonazione nella voce ed enfasi su alcune parole, è molto efficace per imparare a parlare bene. Esistono alcune teorie secondo le quali ai bambini bisognerebbe parlare come se fossero piccoli adulti, ma quello che le mamme fanno istintivamente quando parlano ai loro figli è in realtà l’opzione migliore per un buon apprendimento.

Come si è svolto l’esperimento

Per arrivare a queste conclusioni, gli studiosi hanno decostruito, cioè scomposto i suoni vocalici in un discorso di adulti. Hanno, poi, creato un modello matematico ideale per insegnare una lingua a un bambino, che prevede schemi di linguaggio comprensibili partendo da zero. Successivamente hanno effettuato un confronto tra un discorso di adulti indirizzato ad altri adulti e uno rivolto, invece, ai più piccoli. La scoperta è stata proprio che quest’ultimo era molto simile al modello matematico realizzato. Il baby talk utilizzato coi bimbi è, dunque, molto valido ed efficace perché insegna loro a parlare bene. I suoni che vengono selezionati mettono in rilievo importanti proprietà del linguaggio che i bambini devono conoscere. Se si enfatizza in modo corretto, si otterrà un apprendimento più rapido utilizzando meno informazioni.

 

 

 
 
 

In breve

COSI’ IMPARA A PARLARE…BENE

Per una corretta stimolazione del linguaggio, è più utile incentivare nel bambino l’ascolto e non la produzione di parole. Per fare ciò è bene parlare con un ritmo lento e ben articolato. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti