Le coccole aiutano lo sviluppo dei neonati

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/06/2013 Aggiornato il 05/06/2013

I piccoli non hanno bisogno solo di mangiare e dormire. Per uno sviluppo regolare dei neonati, servono anche tante coccole...

Le coccole aiutano lo sviluppo dei neonati

Finora lo si sapeva a livello intuitivo. Ora diversi studi scientifici lo confermano. Coccolare non è un vezzo ma una strategia importante per favorire lo sviluppo dei neonati. Il bisogno di tenerezza, comune a molti cuccioli animali, è un’esigenza legata proprio allo sviluppo psicofisico dei neonati.

Un bisogno vitale

La necessità di essere accarezzato e rassicurato con dolcezza è per i bebè un bisogno per vitale, esattamente come quello di soddisfare la fame, in grado di influire sullo sviluppo dei neonati. Basti pensare che la marsupioterapia, cioè lo stare a stretto contatto tra il neonato e la sua mamma, aiuta i neonati prematuri e quelli sottopeso a superare prima i problemi.

Tutto nasce dal trauma della nascita

Il senso di abbandono e di disperazione provato dal bambino al momento del parto, quando si ritrova all’improvviso in un ambiente completamente nuovo, può essere lenito solo dalle coccole della mamma. Il rapporto che si viene subito a creare con la mamma, tramite l’allattamento, l’essere tenuto in braccio, le carezze e gli abbracci, è per il neonato un importante riparo affettivo che gli dà sicurezza. In questo senso il rooming in in ospedale è l’ideale per creare subito questo rapporto strettissimo.

Continua nei primi anni di vita

Questo bisogno non si esaurisce nei primi giorni di vita ma continua anche dopo, per almeno i primi anni di vita del bambino. È importante quindi che la mamma e il papà riservino al piccolo dei momenti di intimità  e di contatto che lo rassicurino. Il messaggio che passa al piccolo è che, in caso di difficoltà, c’è sempre qualcuno che si occupa di lui e che non è mai solo.

In breve

NON SOLO CAREZZE

Per creare un rapporto di intimità con il piccolo vanno bene gli abbracci, le coccole, i baci ma anche i massaggi, le filastrocche e le ninne nanne cantate con dolcezza.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti