Le sue prime parole

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/03/2013 Aggiornato il 28/03/2013

La conquista del linguaggio parte da lontano: dal pianto, usato per comunicare, ai gridolini e ai vocalizzi fino alle prime parole, in genere pronunciate dopo l’anno di età

Le sue prime parole

Le prime parole rappresentano il punto culminante di una complessa serie di sviluppi pre-linguistici che cominciano, alla nascita, con il pianto. In tutti i bambini c’è questa disponibilità genetica a decifrare gli stimoli vocali e rispondere a essi, emettendo suoni. È, però, attraverso l’interazione con gli altri (soprattutto mamma e papà) che il piccolo diviene gradualmente padrone del codice comune di comunicazione e arriva a pronunciare le sue prime parole.
Per questo, è fondamentale che i genitori stimolino il bambino, così che lui senta l’esigenza di parlare. Nei primi mesi la comunicazione verbale del neonato è casuale: il bebè emette diversi suoni per esprimere sensazioni ed esigenze, e per rispondere agli stimoli esterni, ma questi suoni non hanno ancora un senso compiuto, sebbene creino un legame con chi è intorno al piccolo. Si tratta, comunque, di una fase fondamentale: i vocalizzi e i gridolini del piccolo sono già un linguaggio, anche se non ci sono ancora le prime parole. Per esempio, con il pianto, il primo canale di comunicazione verbale del neonato, il bimbo esprime diversi bisogni e lo fa modulando la voce: c’è un pianto per la fame e uno per il dolore, un pianto che significa “prendimi in braccio” e un altro che dice “non voglio”.

A 6-7 mesi

la lallazione

Una tappa importante nello sviluppo del linguaggio è quella della “lallazione” cioè la produzione ripetuta di sillabe. Grazie alla maturazione della muscolatura orale e alla capacità di auto-ascolto, il bambino inizia a produrre forme articolate, dapprima semplici (ma-pa-ta) e poi sempre più complesse (mamama, tatata). Sono sequenze di suoni fondamentali, perché permettono al bimbo di esprimere, variando il ritmo e la melodia della sua voce, le proprie emozioni: la gioia, il dolore, la rabbia. La lallazione è, inoltre, uno strumento prezioso di scambio fra bambino e genitori: diventa un gioco ripetere i suoni emessi dal bimbo e cercare di produrne sempre di nuovi. I suoni prodotti dal bimbo, in questa fase, non hanno ancora un senso del tutto compiuto: quando lui dice “mamamama”, chiama mamma, ma rinforza anche la sua richiesta di attenzione.

Verso i 12 mesi

Intorno al primo anno di vita le produzioni vocali del bambino diventano sempre più intenzionali e ricche di significato. A volte, si possono distinguere dei veri e propri “discorsi”, non costruiti con parole, ma attraverso la melodia della voce e con suoni chiaramente articolati, magari prodotti più volte nel corso della stessa giornata, ma con un significato non sempre preciso. Sono molto frequenti queste sequenze di suoni (vocali e consonanti), a cui non si riesce a dare un significato compiuto: si parla allora di “protoparole”. In questa fase il cervello del bambino è già in grado di rappresentare ed evocare oggetti e situazioni, anche se non riesce ancora a pronunciare parole o a formulare una frase. Il suo linguaggio “mentale” è già sviluppato, quello vocale seguirà.

Fra i 12 e i 18 mesi

A questa età il bambino è molto interessato al linguaggio: ascolta e capisce ciò che gli viene detto. È in grado di distinguere dal solo tono della voce se gli si sta ordinando o proibendo qualcosa. Capisce molte più parole di quante ne sappia già usare. Inizia, comunque, a pronunciare qualche parolina legata al suo mondo concreto e alle sue necessità, per esempio mamma, acqua, pappa, papà. Spesso, una sola parola ha per il piccolo il valore di una vera e propria frase e può assumere diversi significati, se usata in contesti diversi. Il piccolo chiacchiera continuamente sia quando è da solo sia quando è con i famigliari usando un linguaggio di suoni e sillabe ben modulate, che simula quello degli adulti, ma che non ha alcun significato.

In breve

Quando il bambino inizia a parlare

Il linguaggio è per il bambino una conquista progressiva e naturale. Comincia già dal pianto, prosegue intorno ai 6-7 mesi con la lallazione, poi intorno all’anno di vita con le produzioni vocali che diventano sempre più articolate e frequenti verso i 18 mesi quando il bambino inizia già a dire qualche parolina.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti