Linguaggio: nei neonati presenti meccanismi tipici degli adulti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/08/2015 Aggiornato il 31/08/2015

Il bebè impara a parlare gradualmente. Fin dai primi giorni di vita, però, sarebbero presenti meccanismi tipici del linguaggio degli adulti. Ecco quali

Linguaggio: nei neonati presenti meccanismi tipici degli adulti

Fino all’anno di età, e talvolta anche oltre, i bambini sanno pronunciare solo pochi suoni indecifrabili o al massimo pochissime e brevi parole. Eppure il loro linguaggio è molto meno immaturo di quanto si potrebbe pensare in apparenza. Addirittura, fin dai primissimi giorni dopo la nascita sarebbero presenti meccanismi che fino a oggi si pensava fossero esclusivi degli adulti. Lo ha evidenziato uno studio condotto da un gruppo di ricercatori italiani, della Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa) e dell’Azienda Ospedaliera di Udine.

Uno studio su bebè di pochi giorni

La ricerca ha riguardato alcuni neonati di soli due-tre giorni di vita. Tutti sono stati sottoposti ad alcuni semplici esperimenti. Per prima cosa, gli studiosi hanno fatto sentire loro una sequenza continua di sei sillabe e poi altre sequenze simili. In un secondo momento, gli esperti hanno introdotto in ciascuna sequenza, una pausa brevissima, quasi impercettibile anche all’ascolto più attento. Durante tutte queste prove, è stata eseguita una spettroscopia a raggi infrarossi, un esame non invasivo che permette di misurare l’attività cerebrale. Lo scopo era raccogliere il maggior numero di informazioni possibili sullo “stato” del linguaggio nei bebè e il suo sviluppo.

Scoperte importanti

L’analisi dei risultati ha permesso di scoprire che i meccanismi che caratterizzano il linguaggio dei neonati sono molto più simili a quelli tipici del linguaggio degli adulti di quanto si pensasse. Innanzitutto, si è visto che i bebè sono in grado di distinguere le sequenze di sillabe simili, ma solo se queste differiscono per gli estremi. Quando vengono spostate le sillabe all’interno della parola, i piccoli tendono a fare confusione. Il sistema cognitivo, dunque, codifica meglio la prima e l’ultima sillaba dei vocaboli, proprio come avviene in età adulta. L’importanza degli estremi di una parola, infatti, è conosciuta da anni. “L’informazione contenuta agli estremi è molto importante e si riflette in molti fenomeni associati al linguaggio. Per esempio, le particelle che nelle parole contengono informazioni, quelle che denotano il genere, il numero, le declinazioni dei sostantivi e dei verbi, sono quasi tutte contenute all’inizio o alla fine delle parole, in tutte le lingue conosciute” hanno spiegato gli autori. Inoltre, si è visto che una pausa, per quando brevissima, riesce a dividere la parola lunga in due parole corte: un espediente che permette al cervello di distinguere le parole con le sillabe scambiate al loro interno.

 

 

 
 
 

In breve

FIN DAI PRIMI MESI

I vocalizzi o i gridolini di un bimbo di pochi mesi rappresentano già un linguaggio. Per esempio, col pianto, il primo canale di comunicazione verbale del neonato, il bimbo esprime diversi bisogni e lo fa modulando la propria voce.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti