Linguaggio: parlare al bebè in più lingue migliora la sua intelligenza?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/10/2019 Aggiornato il 22/10/2019

È uno dei dubbi principali di tutti i genitori che hanno la fortuna di conoscere più lingue. La risposta è affermativa

Linguaggio: parlare al bebè in più lingue migliora la sua intelligenza?

Parlare in due lingue ai bambini fin da quando sono piccolissimi comporterebbe una serie di vantaggi importanti. Lo ha stabilito una  ricerca  condotta su 114 bambini di nazionalità cinese, malese o indianada un team di ricercatori di Singapore, dell’A* Star di Singapore per le Scienze Cliniche (Sics), dal KK Hospital (Kkh) e dal National University Hospital (Nuh), e pubblicata sulla rivista Child Development.

Bilingue è meglio

Fra questi, 60 erano bilingue: infatti, i genitori si rivolgevano a loro fin dalla nascita parlando due lingue diverse. Per questo studio sul linguaggio i bambini sono stati divisi in due gruppi. A uno è stato mostrata fin dalla nascita un’immagine colorata di un orso, all’altro quella di un lupo. Una volta che i bimbi hanno compiuto sei mesi, i ricercatori hanno scambiato le fotografie: al gruppo abituato a vedere l’orso è stato proposto il lupo e a quello abituato a vedere il lupo è stato mostrato l’orso. Lo scopo era analizzare le reazioni dei piccoli partecipanti.

Chi è attratto dalle novità impara prima

Dall’analisi dei risultati, è emerso che i bambini bilingue perdevano interesse verso l’immagine famigliare più precocemente rispetto agli altri. Altri studi condotti in passato avevano dimostrato che più un bimbo piccolo si annoia di fronte a un’immagine famigliare ed è invece attratto della novità, migliori sono le sue performance di apprendimento pre-scolare, come la memoria.

Il bilinguismo va incoraggiato

Gli esperti hanno concluso che i bebè abituati all’ascolto di più lingue fin dalla nascita sono avvantaggiati rispetto agli altri. È bene, dunque, che i genitori che conoscono più idiomi li usino tutti per rivolgersi al figlio. “Da adulti imparare una seconda lingua può essere faticoso. E talvolta noi proiettiamo queste difficoltà nei nostri bimbi, immaginando uno stato di enorme confusione nelle loro testoline quando le due lingue cercano di farsi spazio. Invece, un gran numero di studi mostrano che i bebè si trovano in una posizione favorevole e unica per affrontare le sfide del bilinguismo. E possono beneficiare di questo procedimento” hanno spiegato gli studiosi.

 
 
 

In breve

PIU’ FACILE IMPARARE PRIMA DEI 4 ANNI

Diversi studi hanno dimostrato che è più facile imparare le lingue straniere nei primissimi anni di vita, fino al quarto- quinto anno di età.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti