Neonato: la memoria migliora se sente voci felici

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/06/2019 Aggiornato il 17/06/2019

Non è vero che il neonato vive nel suo mondo. Se sente intorno a lui voci felici, aumenta l'attenzione e... migliora la memoria

Neonato: la memoria migliora se sente voci felici

Il neonato capisce tutto e se sente voci felici e serene intorno a lui, aumenta l’attenzione. E tra i benefici, migliora la memoria. Per questo, anche se non è sempre facile, bisognerebbe cercare di controllare il cattivo umore, il nervosismo e la tristezza. I neonati, infatti, sono sensibili alle emozioni dei genitori e ne risentono. Non solo a livello della propria psiche ma anche per quanto rigurda lo sviluppo e, come si è scoperto in una ricerca americana, anche per la memoria. Quando si canta una ninna nanna o si legge una favola al bimbo, è bene cercare di ritrovare prima la calma, così da stare bene entrambi.

Studiati alcuni neonati

La ricerca della Brigham Young University nello Utah, pubblicata sulla rivista Infant Behaviour and Development, ha coinvolto un gruppo di neonati. Tutti sono stati sottoposti a una serie di test molto particolari. In pratica, gli autori hanno monitorato i movimenti oculari che effettuavano mentre guardavano delle immagini e, al tempo stesso, ascoltavano una voce, che a volte era neutra, altre felice e altre arrabbiata. Inoltre, hanno tenuto conto del tempo che ciascun neonato impiegava per analizzare l’immagine. Lo scopo era capire se il tipo di suoni possa avere una qualche influenza sul modo di percepire gli stimoli e sulle capacità di attenzione e memoria.

I suoni possono incidere

Dall’analisi dei risultati è emerso che effettivamente la reazione dei bambini alle immagini cambiava in relazione al suono che le accompagnava. Quando la visione di una fotografia si è associata all’ascolto di una voce positiva e felice, i bimbi hanno mostrato meno difficoltà nel ricordarla. Al contrario, se la rappresentazione era proposta insieme a una voce neutra o arrabbiata, la memoria dei piccoli vacillava.

Mamma e papà devono usare un tono sereno

Gli esperti hanno concluso che i bambini sono più propensi a prestare attenzione e a ricordare le esperienze positive piuttosto che quelle negative. “Pensiamo che l’effetto positivo aumenti l’attenzione dei bambini e di conseguenza la loro capacità di elaborare e ricordare” hanno spiegato gli autori dello studio. Per questo, è importante che mamma e papà parlino il più possibile al neonato, ma sempre cercando di adottare un tono sereno. Se stanno attraversando un momento difficile, devono quantomeno fare il possibile per mettere in secondo piano rabbia e preoccupazione quando sono con il piccolo, paragonabile a una spugna in grado di assorbire tutto, anche stati d’animo e piccole sfumature all’apparenza impercettibili.

 

 

IL CONSIGLIO

SI’ AI LIBRI ILLUSTRATI

Per favorire lo sviluppo della memoria e dell’attenzione del piccolo è utile anche mostrargli libri illustrati e invogliarlo a giocare con costruzioni, puzzle e giochi in scatola.

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti