Pasticcia con la pappa? Parlerà meglio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/02/2014 Aggiornato il 03/02/2014

Uno studio dimostra che i bimbi lasciati liberi di sperimentare a tavola e di mettere le mani nella pappa sono avvantaggiati nello sviluppo del linguaggio. Quindi, mamme... abbiate pazienza

Pasticcia con la pappa? Parlerà meglio

Compostezza a tavola e buon grado di sviluppo del linguaggio non sembrano andare d’accordo. Solo se il bebè può pasticciare con la pappa, senza essere frenato e inibito nelle sue sperimentazioni, impara a parlare senza difficoltà. È la conclusione cui è giunto uno studio condotto da un gruppo di ricercatori americani dell’University of Iowa, pubblicato sulla rivista scientifica Developmental science.

Sul seggiolone

La ricerca ha riguardato un gruppo di bambini di 16 mesi. Gli autori hanno studiato il loro linguaggio e il loro comportamento a tavola. In che modo? Li hanno fatti sedere nel loro seggiolone, quindi, hanno offerto loro 14 differenti tipi di cibi non solidi, come pappe, succhi di frutta, budini e zuppe. Ogni volta che proponevano un cibo, i ricercatori dicevano ai bambini come si chiamava. In alternativa, associavano il piatto a semplici sillabe. Dall’analisi dei risultati, è emerso che pasticciare con la pappa è utile per lo sviluppo del linguaggio. Infatti, i bimbi che facevano esperimenti con il cibo, assaggiandolo, toccandolo con le dita, spalmandolo sul vassoio del seggiolone, gettandolo a terra, erano più abili nel parlare. In linea di massina, pronunciavano in modo più corretto le parole dette dagli adulti rispetto ai bimbi che non “manipolavano” gli alimenti.

Liberi di sperimentare

Gli esperti hanno concluso che l’esperienza diretta, in questo caso il pasticciare con la pappa, in un ambiente e contesto famigliare come il seggiolone migliora lo sviluppo cognitivo dei bambini. In effetti, “la sperimentazione nella vita del bambino è fondamentale per imparare e passa anche attraverso il cibo. Più si lasciano liberi di fare e più apprendono” ha commentato Andrea Vania, docente di pediatria alla università di Roma Sapienza e membro della Società italiana di pediatria.

 

 

In breve

I CONSIGLI PER MAMMA E PAPA’

Lasciare il bimbo libero di sperimentare con la pappa lo aiuta ad avere migliori capacità di linguaggio. Questo non significa, però, che tutto sia concesso. Se il bambino continua a lungo a buttare il cibo per terra, per esempio, è bene intervenire.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti